menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo stato dei lavori al Magazzino 26, Dipiazza: "In tre anni abbiamo fatto miracoli" (FOTO)

Dipiazza: "Oltre al Centro Congressi abbiamo riorganizzato la viabilità, l'illuminazione e le infrastrutture, oltre ai sottoservizi di piazza Libertà". Roberti: "Vogliamo trasferire in Porto Vecchio alcune realtà che ora occupano palazzi vetusti del centro, in modo da liberare quegli edifici e farli riqualificare ai privati"

Si è svolto stamattina in Porto Vecchio un sopralluogo del Comune al Magazzino 26, il più grande edificio del Porto Vecchio con una cubatura complessiva di 180mila metri cubi su cinque livelli. Quello che Roma ha denominato il Grande Attrattore Culturale Transnazionale (finanziando il progetto con 50 milioni di euro) conterrà numerose realtà museali quali l'Immaginario Scientifico, le masserizie degli esuli, il Museo del mare, il Museo di Storia Naturale, il poco visitato Museo dell'Antartide (ora nell'area ex opp), e.il Museo della Bora. Sul tetto sorgerà un belvedere, anche se al momento ci sono trattative in corso con la soprintendenza in merito. Hanno presenziato all'incontro il sindaco Dipiazza, gli assessori Elisa Lodi e Giorgio Rossi insieme all'assessore regionale Roberti.

Immaginario Scientifico e masserizie esuli al Magazzino 26: lavori da 3 milioni di euro (FOTO)

Dipiazza e Roberti: "Abbiamo dimostrato concretezza"

"Chi è stato a Monaco e nelle grandi città europee sa che i poli museali con tante realtà all'interno sono grandi attrattori turistici" ha dichiarato il sindaco Dipiazza, che ha commentato le recenti accuse dell'opposizione: "a chi dice che manca una visione complessiva sul Porto Vecchio rispondo che alle visioni preferiamo i fatti, e in soli tre anni abbiamo fatto miracoli: non solo abbiamo costruito il Centro Congressi ma abbiamo riorganizzato la viabilità, l'illuminazione e le infrastrutture dell'area, oltre ai sottoservizi di piazza Libertà. Un gran lavoro per cui ringrazio gli assessori e gli uffici". Il sindaco ha inoltre annunciato che altre novità covano nel settore lavori pubblici: "Oggi o domani si aprirà la busta della galleria di Montebello e parte da oggi l'assestamento per la gara relativa alla caserma di Roiano, un progetto di cui si parla da 30 anni".

"In questo periodo sono le città soprattutto a soffrire della crisi in ambito turistico, e i nostri imprenditori continuano a chiedere opere per richiamare turisti, come questo grande attrattore culturale" ha dichiarato l'assessore regionale Roberti in rappresentanza della Regione Fvg, dichiarando l'intenzione di "trasferire in Porto Vecchio alcune realtà che ora occupano palazzi vetusti del centro, in modo da liberare quegli edifici e farli riqualificare a dei privati". Anche Roberti ha voluto poi togliersi qualche sasso dalla scarpa dopo le critiche dell'opposizione: "Noi non fantastichiamo su grandi progetti faraonici ma facciamo ciò che è utile al cittadino. Dispiace perché c'è un allineamento di istituzioni e sarebbe auspicabile anche un allineamento politico".

Lo stato dei lavori

In attesa del nuovo grande Museo del Mare che occuperà l’intera metà a sud dell'edificio, è in programma il completamento della parte intermedia, articolato in due appalti. Il primo, per un importo complessivo di oltre 2 milioni di euro, finanziato con fondi di bilancio dell’amministrazione comunale, vedrà il recupero dei due piani soprastanti, per ospitare la sede definitiva dell’attuale magazzino 18 e per spazi espositivi tra cui una prima dislocazione del museo del mare.

Il primo intervento prevede un importo di circa 1,8 milioni di euro, ed è stato appaltato all’impresa di Betta di Udine. I lavori verranno articolati in due fasi: la prima, in circa tre mesi dovrebbe permettere all’Immaginario Scientifico di partecipare a Esof, la seconda, con durata prevista di circa sei mesi, porterà completamento della sede. I lavorisono iniziati il 25 maggio e prevedono la realizzazione di nuovi corpi scala, dei servizi necessari, oltre che di opere di finitura edile interna, la completa climatizzazione degli ambienti, la realizzazione degli Impianti elettrici e antincendio.

Il secondo intervento, relativo ai piani superiori, per un importo di circa 850mila euro è stato appaltato all’ATI balsaminI impianti/Innocente e Stipanovich e comprende le opere impiantistiche di climatizzazione, gli impianti elettrici e antincendio e le finiture interne. I lavori sono iniziati in data 8 giugno 2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come arredare casa in perfetto stile boho chic

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento