Annegamento al Molo G di Barcola: giovane in condizioni critiche

I soccorritori lo hanno cercato in mare per oltre 15 minuti ed è stato portato a riva in arresto cardiaco. Il giovane è stato poi portato a Cattinara in codice rosso. La notizia è in aggiornamento

Si inabissa al largo del Molo G di Barcola, forse per un malore, i bagnanti tentano di salvarlo ma lo trovano dopo più di 15 minuti. È successo a un giovane intorno ai vent'anni di età oggi, domenica 9 giugno, alle 18. I sanitari del 118 lo hanno portato a riva in arresto cardiaco, poi lo hanno intubato e hanno avviato la rianimazione cardiopolmonare. Il ragazzo è stato poi trasportato a Cattinara in codice rosso e le sue condizioni sono critiche.

Sono stati allertati anche i Vigili del Fuoco ma nella giornata odierna non c’era disponibilità di sommozzatori in turno. I Vigili del Fuoco hanno confermato che il nucleo sommozzatori copre tre turni su quattro e, in caso di bisogno, durante il turno non coperto dovrebbe intervenire il nucleo di Venezia. Tuttavia, dal distaccamento del Porto Vecchio è ugualmente partita una motobarca con 2 specialisti nautici e 2 sommozzatori (liberi dal servizio che però al momento della richiesta si trovavano per caso in distaccamento) ma è stato loro comunicato che il ragazzo era già stato trovato, poco prima del loro arrivo. Sul posto si trovava anche il personale giunto sul posto da terra. Secondo diverse fonti la zona non sarebbe presidiata da bagnini di salvataggio.

La notizia è in aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Nuovi concorsi in Comune: aperti 8 posti a tempo indeterminato

Torna su
TriestePrima è in caricamento