Maltempo, Fvg in stato di preallarme: firmato il decreto da un milione e mezzo

La somma è destinata prevalentemente alla copertura delle spese per i primi interventi urgenti di ripristino dovuti ai danni del maltempo, viste le criticità già evidenziate a seguito degli eventi di venerdi scorso

E' stata siglata dal vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, d'intesa con il governatore Massimiliano Fedriga, la dichiarazione di stato di preallarme sul Friuli Venezia Giulia in conseguenza degli eventi metereologici seguenti al 5 giugno. Immediatamente dopo lo stesso Riccardi ha firmato il decreto relativo all'impegno di spesa (1.500.000 euro) destinato prevalentemente alla copertura delle spese per i primi interventi urgenti di ripristino dovuti ai danni del maltempo, viste le criticità già evidenziate a seguito degli eventi di venerdi scorso.

L'adozione della fase operativa di preallarme configura il possibile verificarsi sull'intero territorio regionale di scenari di criticità tali da richiedere il tempestivo intervento dei tecnici e dei volontari della Protezione civile Fvg, i quali potranno essere attivati dalla Sala operativa regionale per attuare i primi ed urgenti interventi di assistenza alla popolazione, monitoraggio e messa in sicurezza dei territori dei Comuni colpiti. La stessa Protezione civile regionale ricorda come per la giornata di oggi sia previsto un nuovo peggioramento con piogge diffuse, anche temporalesche, più abbondanti in pianura e sui monti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento