Cronaca

Maltempo in Friuli, i danni ammontano a 615 milioni di euro

Il Governatore del FVG Massimiliano Fedriga è intervenuto agli Stati Generali della Montagna a Tolmezzo: ""Da Roma giungeranno in fase di bilancio 450 milioni di euro da distribuire il prossimo anno alle aree coinvolte". Dieci i milioni stanziati fino ad ora dalla Regione

"La stima definitiva dei danni causati dalla recente ondata di maltempo a strutture e infrastrutture pubbliche e private del Friuli Venezia Giulia è di 615 milioni di euro". Lo ha annunciato oggi a Tolmezzo, in apertura degli Stati Generali della Montagna, il governatore Massimiliano Fedriga, sottolineando il dato complessivo ottenuto dal vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi.

In fase di bilancio Roma stanzierà 450 milioni di euro

"Adesso, utilizzando a questo scopo anche le indicazioni che emergeranno dai tavoli tematici attivati per questi Stati Generali, mettiamo in campo - ha affermato Fedriga - tutto quanto necessario per superare le difficoltà con l'orgoglio e la determinazione che caratterizzano la nostra regione". Sono 10 i milioni di euro che la Regione ha stanziato subito dopo il disastro - assieme a 870mila euro sempre derivanti dall'azione della Regione e ai 6,5 milioni anticipati da Roma.  "Da Roma - ha aggiunto Fedriga - giungeranno in fase di bilancio 450 milioni di euro da distribuire il prossimo anno alle aree coinvolte, con già altre risorse previste per il 2020".

Il colloquio con Salvini

"Come ho avuto modo di anticipare al ministro Salvini - ha ricordato - chiederemo per il Friuli Venezia Giulia il massimo possibile, apprezzando la sua dichiarata disponibilità a venire incontro alle reali esigenze di chi è stato fortemente penalizzato". "È nostra intenzione - ha spiegato il governatore Fvg -
utilizzare quanto avremo a disposizione per operare investimenti triennali su progettualità e infrastrutture volte a migliorare attrattività turistica, mobilità e logistica".

La solidarietà va oltre ai campanilismi

Sospese le rate dei mutui e azzerata l'Irap

"Abbiamo deliberato l'azzeramento dell'Irap per le imprese già presenti o di futuro insediamento nei comuni montani delle cosiddette aree b e c", ha quindi sottolineato Fedriga. Tra le pratiche attivate a favore delle popolazioni, Fedriga ha infine citato anche l'accoglimento dell'istanza di sospensione dei pagamenti delle rate dei muti da parte dell'ABI.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo in Friuli, i danni ammontano a 615 milioni di euro

TriestePrima è in caricamento