Maltempo: sos per gli animali, i consigli dell'Enpa

L'ondata di gelo metterà a dura prova gli animali, non soltanto quelli d'affezione ma, soprattutto, i selvatici e i randagi

Foto: Enpa Trieste

L'ondata di maltempo che in questi giorni si abbatte su tutto il Paese, con neve e freddo diffusi, metterà a dura prova gli animali. Non soltanto quelli d'affezione, ma - soprattutto - i selvatici e i randagi, che dovranno fare i conti sia con il gelo sia con l'incremento del fabbisogno calorico giornaliero e qui a Trieste con la bora forte.Gli uccelli rappresentano una categoria particolarmente a rischio, non riuscendo a trovare cibo nel terreno e negli alberi coperti dalla neve e con difficoltà a volare. Ecco alcuni consigli utili diffusi dall'Enpa attraverso i social.

Per gli animali d'affezione
Non lasciamoli fuori al freddo anche se abbiamo giardino.Teniamoli in un luogo caldo e riparato, con coperte, anche dopo le passeggiate quotidiane.Soprattutto i cani a pelo raso e piccoli possono necessitare di un cappottino.
Attenzione alla permanenza su neve e ghiaccio, quando li portiamo a fare la loro passeggiata, asciugarli al rientro in casa.
Attenzione anche agli sbalzi di temperatura che possono causare malanni; appena usciti dall'abitazione fateli muovere subito e non fermatevi al freddo magari parlando con un amico.
Pensate anche ai gatti che vivono nelle colonie all'aperto, c'è bisogno di ripari protetti anche per loro, oltre che cibo.

Per gli animali selvatici
Lasciare nel giardino, sul balcone o in un luogo riparato dai predatori (gatti, ad esempio), oltre a qualche "leccornia" (palle di semi e grasso), una ciotoline d'acqua tiepida e pulita, all'interno mettete una grossa pietra per evitare che la biora la rovesci ed anche per consentire agli uccelli più piccoli di uscire dall'acqua se in difficoltà. Meglio che la ciotola sia messa in un luogo soleggiato.
Rifornire le mangiatoie installate in autunno o provare a posizionarle ora sul terrazzo o nel giardino (nel rispetto dei condomini) in modo da per garantire agli uccelli un luogo sicuro dove trovare cibo in abbondanza. Naturalmente, le mangiatoie devono essere posizionate in luoghi al riparo dai predatori e dovrà essere rifornita fino alla primavera. Non interrompere la somministrazione di cibo, gli uccelli possono perdere un punto di riferimento molto importante durante l'inverno.

Una casetta per uccelli può essere utile come riparo dal vento, dalla neve e dal gelo. Ma anche per passare la notte in tutta tranquillità. Va sistemata in un luogo sicuro, riparato dai predatori, dagli agenti atmosferici e dal traffico.
Tra gli alimenti più indicati ci sono: le arachidi non salate, i semi di girasole e di zucca, le piccole granaglie, il miglio, i fiocchi di cereali (cornflakes), frutta secca. Da evitare invece, il pane e i prodotti da forno. In commercio esistono anche dei cibi per mangiatoia già pronti da appendere.
In campagna e nei giardini è utile anche togliere la neve da sotto gli alberi, lasciando così del terreno libero.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Brutto incidente a Servola, quattro persone all'ospedale

  • Come coltivare in casa l'aloe vera, una pianta dai mille benefici

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Triestina-Cesena 4 a 1 | Le pagelle: poker servito, il Rocco: "Vi vogliamo così"

  • Gubbio-Triestina 2 a 0 | Le pagelle: brutta e senz'anima, Offredi affonda l'Unione

Torna su
TriestePrima è in caricamento