Venerdì, 19 Luglio 2024
Il tragico caso

Assolto l’ex della giovane mamma suicida: era accusato di maltrattamenti

La trentenne, madre di due figli piccoli, si era tolta la vita nel rione di Melara nel 2019. Oltre tre anni dopo l’ex compagno viene assolto in secondo grado

E’ stato assolto dalla Corte d’Appello di Trieste l’uomo denunciato dalla compagna nel 2018 per maltrattamenti e lesioni. Una tragica storia balzata alle cronache dopo che la donna, alla vigilia del processo nel febbraio del 2019, si era tolta la vita a soli trent’anni, gettandosi da un palazzo nel rione di Melara e lasciando due bambini in tenera età. Poco prima dell’estremo gesto la trentenne aveva mandato al suo legale una mail in cui dichiarava di voler revocare l’incarico nel procedimento penale. Intanto la Pm Chiara Degrassi aveva aperto un’indagine e chiesto il rinvio a giudizio dell’uomo, che era stato condannato in primo grado. Più di tre anni dopo, lo scorso cinque dicembre, la corte d’appello ha assolto l’imputato.

Il suo difensore in secondo grado, l’avvocato Miraglia, dichiara: “La Corte, dopo una lunga camera di consiglio, ha dichiarato che il fatto non sussiste, pertanto è stato completamente scagionato da ogni accusa di maltrattamenti e lesioni nei confronti della madre e dei suoi due bambini”. “Resta il cordoglio per la scomparsa di una giovane mamma”, conclude l’avvocato, ritenendo “sbagliato pensare di attribuirne la responsabilità all’ex compagno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assolto l’ex della giovane mamma suicida: era accusato di maltrattamenti
TriestePrima è in caricamento