Trieste Running Festival: atleti africani fuori dalla mezza maratona

L'annuncio durante la conferenza stampa di questa mattina. Russo e Cosolini: "Trieste merita di meglio". Carini: "No ai manager sfruttatori. Sport e umanità vanno di pari passo"

Per la prima volta al via del Trieste Running Festival non ci sarà nessun atleta africano. La decisione è stata presa dall'organizzazione della mezza maratona per denunciare i manager senza scrupoli che gestiscono questi professionisti.

No agli atleti africani, Shaurli: "Discriminazione nello sport"

Il commento di Russo e Cosolini

"“Una mezza maratona per soli bianchi”: pensavamo fosse un titolo che si sarebbe potuto leggere solo nell’Alabama del Ku Klux Klan ed invece è la cronaca di ciò che accade a Trieste". Ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio regionale FVG Francesco Russo in un post su Facebook.

"La scusa con cui è stato annunciato che non ci saranno atleti di colore al prossimo Trieste Running Festival è che non ci sono manager onesti in grado di far arrivare nella nostra città atleti capaci di dare lustro e qualità agonistica alla corsa triestina. Ma come mai nel resto del mondo (e anche recentemente a Milano dove un atleta di colore ha stabilito il record della corsa), è possibile ciò che invece impossibile qui?"

"Io credo che Trieste meriti di meglio che essere ricordata come la città in cui le Istituzioni gettano nei cassonetti le coperte ai clochard e organizzano le mezze maratone rigidamente monocromatiche".

"A Trieste ci si inventa la mezza maratona per soli bianchi! La scusa è che gli atleti di colore sarebbero gestiti da manager sfruttatori... - ha dichiarato il cosigliere regionale Cosolini - Se fosse vero l'organizzatore dovrebbe citare fatti concreti e spiegare come mai per anni non ha fatto nulla. E potrebbe imporre un codice etico negli accordi e vigilarne il rispetto. Ma non fa nulla di tutto questo. Inaccettabile!"

No agli atleti africani, De Monte: "Si passa alle epurazioni"

L'organizzazione: "No a manager sfruttatori"

"Abbiamo voluto porre l'attenzione su tutti quegli atleti africani che, seppur bravissimi, vengono portati in Italia e proposti come merce di seconda scelta -ha dichiarato Fabio Carini - Nella nostra mezza maratona ci deve essere un equilibrio tra trattamento della persona e valore sportivo. Questo segnale deve partire da Trieste proprio perchè la nostra città è multiculurale. E' comodo prendere gli atleti più forti, approfittando di manager che li sfruttano. E' meno comodo imporre una certa linea affinchè nello sport vengano al primo posto il valore dell'atleta e l'etica".

Rispondendo alle affermazioni di Cosolini, Carini ha sottolineato: "Siamo stati tra i primi in Italia ad aver imposto un codice etico che non è mai stato ripreso dato che fa comodo non seguire le regole. Sport e umanità non possono essere separati"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, svantaggi, costi e consumi

  • Terribile schianto in strada per Basovizza, motociclista di 57 anni perde la vita

  • Vigile del fuoco con la passione per i motori perde la vita in un terribile incidente

  • Tragedia in un fondo edile di via D'Alviano: muore schiacciato da un camion in manovra

  • Investita sulle strisce: 55enne in rianimazione

  • Tragedia nelle acque di Brindisi, morto giovane sub di Trieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento