Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Trasporti, Santoro: «Il nuovo trasporto pubblico vedrà protagonisti i comuni»

Cooperazione attiva tra comuni e regione per ottimizzare costi ed efficienza dei servizi

Mariagrazia Santoro

Il trasporto pubblico regionale cambia. A seguito dell’aggiudicazione definitiva della gara affidata a TPL Fvg S.c.a.r.l., l’Assessore regionale alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro ha presentato al Comitato Esecutivo di Anci Fvg gli elementi maggiormente significativi dell’offerta risultata vincitrice.

«Il nuovo trasporto pubblico del Friuli Venezia Giulia partirà da una stretta collaborazione con i territori; – ha voluto sottolineare l’Assessore Santoro - la fase operativa vedrà infatti i comuni protagonisti nella definizione puntuale del servizio, e dei collegamenti sulla base delle esigenze reali dei cittadini e delle località».

Si tratta di uno scenario nuovo e di un momento epocale del trasporto locale che, dopo la Toscana, prevede un servizio effettuato su un unico bacino regionale per ottimizzare costi ed efficienza dei servizi integrando le reti di trasporto pubblico urbano ed extraurbano degli autobus e del trasporto marittimo.
La Regione sta affrontando il tema del nuovo affidamento dei servizi ferroviari, consentendo con ciò di pervenire a breve ad una ridefinizione complessiva del sistema del TPL in regione.

«La collaborazione da parte dell’Anci sarà piena – ha commentato il presidente Mario Pezzetta – l’obiettivo è di consolidare un rapporto non solo di ascolto ma di cooperazione attiva tra comuni e regione sul delicato tema del trasporto pubblico locale. Tema che nei prossimi 5-10 anni subirà sostanziali cambiamenti sia dovuti alle tecnologie digitali sia di tipo sociale, quali l'invecchiamento della popolazione: proprio per questo gli amministratori contribuiranno con proposte puntuali per dare risposte alle esigenze reali del territorio regionale molto variegato e che presenta complessità notevoli».

La parola d’ordine del nuovo trasporto sarà infatti flessibilità con possibili variazioni, adattamenti e riconfigurazioni dei servizi di trasporto, anche del 100%, con l’obiettivo dell’efficienza e del potenziamento dell’intermodalità tra ferrovia, gomma e servizi marittimi e mobilità ciclabile, ma vi sarà anche la concreta possibilità di corrispondere tempestivamente a nuove esigenze e bisogni dei territori man mano che si presenteranno. Da qui nasce l'esigenza di attivare uno stringente metodo di confronto tra regione e comuni sui contenuti operativi di questo fondamentale servizio pubblico.

L’Assessore Santoro, la dirigente regionale Magda Uliana e l’architetto Volponi hanno presentato all’esecutivo di Anci gli effetti dell’aggiudicazione della gara alla società TPL Fvg Scarl per i prossimi 10 anni (più ulteriori 5).
Saranno garantiti già dall’avvio del nuovo affidamento importanti incrementi sia qualitativi che quantitativi in ambito regionale, a partire dai 2,8milioni di km in più per il trasporto su autobus derivanti dall’offerta di gara: nello specifico sono previsti infatti km all’anno in più per i servizi urbani ed extraurbani nel loro complesso, per l’accessibilità alle scuole, il potenziamento del servizio di trasporto verso il sistema sanitario regionale, il miglioramento dei collegamenti tra i principali centri urbani e i comuni dei loro hinterland, il potenziamento dell’attrattività del sistema turistico, culturale e naturalistico, nonché per il collegamento alle aree montane.

«Numeri importanti che devono tradursi in migliori servizi con riflessi positivi sulla qualità della vita dei cittadini; obiettivo che da sempre i sindaci e l’Anci perseguono» commenta Pezzetta.

Non solo: il parco autobus sarà rinnovato nei prossimi 10 anni (540 nuovi autobus della più recente classe di emissioni), saranno investiti oltre 7milioni di euro in tecnologie (wifi sulle vetture, videosorveglianza, informazioni in tempo reale al pubblico, etc.) e si potrà viaggiare in tutta la Regione con un unico biglietto o abbonamento.
Un importante innovazione riguarderà anche i luoghi di attesa e di interscambio in termini di migliore informazione.
Su questo tema l’Assessore Santoro ha ricordato che la Regione è peraltro intervenuta recentemente con modifiche normative ed accordi con RFI per favorire la realizzazione dei Centri di interscambio modale in regione.

Sono intervenuti: Enrico Pizza, Paolo Urbani, Renzo Francesconi, Roberto Ceraolo, Pino Napoli, Lavinia Clarotto, Francesco Martines.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, Santoro: «Il nuovo trasporto pubblico vedrà protagonisti i comuni»

TriestePrima è in caricamento