Cronaca Barcola - Gretta / Castello di Miramare

Massimiliano d'Asburgo di nuovo a Miramare... per un documentario: guarda le foto sul set

12.06 - Al Castello una troupe austriaca, attrezzature e maestranze "X Productions" di Trieste. Una produzione internazionale per un documentario sulla vita di Massimiliano d'Asburgo

Da ieri una troupe cinematografica austriaca sta svolgendo delle riprese nelle stanze del Castello di Miramare. Si tratta di scene che poi andranno a comporre un documentario sulla vita travagliata di Massimiliano d'Asburgo

La produzione è internazionale, ci sono tv nazionali austriache e tedesche (sulle quali verrà trasmesso a dicembre il documentario), la televisione storico-scientifica messicana, ma anche qualche co-produttore belga e sloveno.

Sul set però non si trovano solo professionisti austriaci, cioè regista, scenografo, direttore e assistente della fotografia, ma anche quattro triestini. Infatti tutto il materiale tecnico (luci, cavi, binari, ecc) sono della X Productions di Alex Novacco (il ragazzo con il "ciack" in mano nelle foto di Emanuele Esposito), accompagnato da altri tre mestieranti locali.

«Il prodotto finale - ci spiega la responsabile della produzione - ha lo scopo di mostrare al mondo il dramma interiore che logorava Massimiliano, un uomo avanguardista e liberale, costretto però in un'epoca ancora rigidamente legata alle antiche usanze "imperiali"».

Molti i turisti che oggi stanno visitando il Castello, anche nelle sale dove viene girato il documentario. C'è stato anche un momento in cui una scolaresca particolarmente incuriosita dal set ha chiesto di restare e assistere alle riprese, ottenendo il consenso dell'attore e del regista.

La troupe si fermerà a Trieste fino a venerdì e probabilmente si sposteranno anche in altre zone della città, zone particolarmente simboliche e legate alla figura di Massimiliano d'Asburgo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimiliano d'Asburgo di nuovo a Miramare... per un documentario: guarda le foto sul set

TriestePrima è in caricamento