Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Isontino

Droga e fuochi d'artificio: maxi sequestro da 70mila euro a Monfalcone

Tre chili di droga e oltre 20mila euro in contanti, più tre grandi ordigni pirotecnici, sono stati trovati dalla Polizia nell’appartamento di un triestino, che ha aggredito gli agenti con calci e pugni

Sequestrati a Monfalcone oltre tre chili di droga (che avrebbero fruttato allo spacciatore oltre 50mila euro) più 20mila euro in contanti e tre grandi ordigni pirotecnici. E'successo nel pomeriggio del 16 dicembre scorso, durante specifici servizi finalizzati al contrasto del traffico e del consumo di sostanze stupefacenti. Il personale del Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Monfalcone ha effettuato una perquisizione in un appartamento del centro cittadino, nei pressi del quale era stato notato un insolito via vai di giovani noti alle forze di polizia per reati inerenti agli stupefacenti.

Una violenta resistenza

All’arrivo della Polizia, G.A. ventisettenne, nato a Trieste, pregiudicato, attualmente in attesa di occupazione, si è rifiutato di aprire l’uscio di casa, per poi cercare di fuggire da una finestra; tentativo andato a vuoto poiché, una volta forzata la porta d’ingresso, gli agenti sono riusciti a bloccarlo sul cornicione dal quale stava per raggiungere il giardino condominiale.  Riportato all’interno dell’appartamento, l’uomo ha opposto una violenta resistenza minacciando gli operatori e sferrando calci e pugni finché è stato ammanettato e dichiarato in arresto.

Il sequestro

All’esito del primo sopralluogo, nel cortile posto sotto la finestra dell’appartamento sono stati rinvenuti alcuni involucri contenenti notevoli quantitativi di marijuana ed un bilancino di precisione; la minuziosa perquisizione all’appartamento ha poi permesso di rinvenire e sequestrare, nascosti anche nel frigorifero, considerevoli quantitativi di droga di vario tipo ed una grossa somma di denaro. 

Nello specifico, si tratta di un totale di oltre 3 chili di cannabinoidi (di cui 2 chili di marijuana ed 1 chilo di hashish), 230 g di cocaina ed una somma di circa 21mila euro in banconote di vario taglio nonché diversi strumenti per la pesatura, il taglio ed il confezionamento delle singole dosi da cedere. Inoltre sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro tre ordigni pirotecnici di grosse dimensioni, di vietata detenzione, sui quali sono in corso accertamenti per stabilirne la provenienza e la pericolosità.

L'arresto

Al termine delle operazioni di rito, G.A. è stato associato presso la Casa Circondariale Angiolo Bigazzi di Gorizia; venerdì scorso il G.I.P. del Tribunale di Gorizia ha convalidato l’arresto disponendo il provvedimento della custodia cautelare in carcere a carico dell’uomo. Si tratta di uno dei più ingenti sequestri di sostanze stupefacenti effettuato nel mandamento monfalconese; la “vendita” delle singole dosi delle droghe rinvenute (hashish, marijuana e cocaina) avrebbe fruttato almeno 50mila euro agli spacciatori. Sono in corso mirate indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore dott.ssa Ilaria Iozzi, della Procura della Repubblica di Gorizia, tese a risalire alla provenienza degli stupefacenti e ad individuare tutti i soggetti coinvolti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga e fuochi d'artificio: maxi sequestro da 70mila euro a Monfalcone

TriestePrima è in caricamento