Cronaca

Francesco Mazzega ai domiciliari a 2 mesi dal brutale assassinio di Nadia Orlando

Arrivato il braccialetto. Il 36enne è stato trasferito a casa dei genitori a Muzzana del Turgnano

A meno di due mesi dall'omicidio di Nadia Orlando, Francesco Mazzega, il 36 enne autodichiaratosi come il responsabile del delitto, torna a casa, così come stabilito dal Tribunale del riesame lo scorso 30 agosto. È infatti arrivato il braccialetto elettronico e - come riporta l'articolo di Udine Today, questa mattina, alle 9.30, il detenuto è stato scarcerato dalla casa circondariale di Pordenone dove era rinchiuso dal 2 settembre, poco dopo le proteste scaturite dagli stessi detenuti del carcere di via Spalato. 

Mazzega è tornato dunque nella casa dei suoi genitori a Muzzana del Turgnano, dove resterà agli arresti domiciliari in attesa del processo. A nulla è valsa l'indignazione popolare per una misura così morbida nei confronti di quello che è un reoconfesso. E a nulla sono valse le 64mila firme raccolte fino ad oggi sulla piattaforma Change.org.
«In attesa del processo - spiegava la petizione -  le pene per questi reati devono essere esemplari ed è necessario che la Giustizia italiana sia in prima linea contro il femminicidio. Ogni tre giorni muore una ragazza in Italia, dobbiamo arrestare questo dramma».


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francesco Mazzega ai domiciliari a 2 mesi dal brutale assassinio di Nadia Orlando

TriestePrima è in caricamento