CinqueStelle su Melara: "Ecco le prove che la convenzione tra Comune e Ater esiste dal 1982"

Secondo i consiglieri pentastellati di circoscrizione la documentazione è stata "siglata una prima volta nel ‘82, ribadita nel ‘89 e poi ancora nel 2002. In questi venti anni sono stati registrati ben 3 atti notarili". In foto la prima pagina del documento del 2002

Sulla questione del comprensorio di Melara e relativa alle dichiarazioni della maggioranza il Movimento Cinque Stelle non ci sta e passa al contrattacco. La replica arriva per mano dei consiglieri della VI Circoscrizione Stefano Fonda, Rosanna Pinna ed Alessandra Richetti e la consigliera comunale Elena Danielis. "Sono ormai vent’anni che i due sindaci Dipiazza e poi Cosolini hanno promesso ai residenti di Melara di risolvere la questione del decoro, della sicurezza e dell’ordine pubblico dei cosiddetti camminamenti" affermano nella nota. 

"La convenzione siglata tre volte in quasi 40 anni" 

"Si è detto per vent’anni ai residenti che protestavano che era necessario fare una convenzione fra Comune ed ATER, quando questa era invece già è stata siglata, una prima volta nel ‘82, ribadita nel ‘89 e poi ancora nel 2002. In questi venti anni sono stati scritti e registrati quindi non uno, ma ben 3 atti notarili senza poter porre un freno ai disagi e ai tanti esborsi che i residenti di Melara sono costretti a sopportare a causa degli atti vandalici e dei comportamenti illeciti, senza contare l’impatto sulla salute".

La replica al centrodestra

"Curiosa a questo punto la presa di posizione dei Consiglieri di centrodestra della VI Circoscrizione, pubblicata su questa testata l’11 novembre scorsoCerto che sarebbe stato sufficiente, se il vice sindaco Roberti avesse mantenuto la promessa, fatta pubblicamente durante appunto il primo Consiglio della Circoscrizione su questo tema, che risale a gennaio scorso, promessa di fornire entro una settimana una risposta su come la Giunta intendeva procedere; certo che si poteva risolvere, se tale risposta fosse stata fornita dal vice Sindaco Polidori, piuè volte interpellato anche in Consiglio Comunale".

Il centrodestra su Melara

"Certo che si sarebbe soprasseduto - continuano i consiglieri - se si fosse vista la benché minima volontà di portare a soluzione l’annosa vicenda, e certamente non sarebbe stato necessario che i consiglieri Fonda, Pinna e Richetti chiedessero una presa d’atto per attuare la convenzione o presentassero una mozione per chiedere l’attuazione della convenzione Comune ATER. La verità è che, grande assente della serata di consiglio è stata, purtroppo, proprio la parte istituzionale". 

"Polidori, invitato, non ha risposto e non ha mandato un suo delegato ad illustrare la posizione dell’amministrazione cittadina, quando quello che si chiede è appunto certezza sull’indirizzo che intende perseguire. L’altra sera la Polizia Municipale ha affermato che a loro avviso i camminamenti non hanno le caratteristiche delle ‘strade vicinali’, certo lascia perplessi che l’amministrazione comunale per ben tre volte nei 3 contratti-convenzione con ATER, tutti siglati da ambo le parti, e ricordiamo, tutti e 3 registrati con atto notarile, abbia reiterato un tale errore".

Il PD e la questione fondi alle periferie

ATER e l'approfondimento necessario 

"ATER che era presente l’altra sera nella figura del Dott. Ius, quest’ultimo ritiene che dopo più di vent’anni e 3 atti notarili la questione abbia ancora bisogno di un approfondimento giuridico, del quale non reputa naturalmente debba farsi carico l’ATER stessa, ma la Circoscrizione o forse i cittadini. Si apprende infine dalla Polizia Municipale che una semplice “ordinanza” potrebbe risolvere la questione. Ovvero il Sindaco potrebbe da subito tramite un’ordinanza sindacale dare indicazione che tali percorsi siano d’ interesse pubblico, facendo quindi diventare in un attimo “attuabili” i tre atti notarili. Siamo convinti che le innumerevoli promesse fatte da Dipiazza in più di un mandato potranno ora essere mantenute con questo semplice atto".

"Avrebbero potuto risolvere la questione ben prima"

"Insomma non ci pare di aver impiegato male i soldi di funzionamento della Circoscrizione visto che questa seduta ha chiarito che proprio la richiesta fatta dal M5S e presentata in ben due sedute di fila il mese scorso per essere infine bocciata da PD e Centrodestra uniti, avrebbe potuto ottenere esattamente il risultato auspicato perché indicava l'unica via percorribile, ma forse i consiglieri del centrodestra preferiscono dimenticare - conclude la nota dei pentastellati - che già nel 2002 l'allora sindaco Dipiazza avrebbe potuto facilmente risolvere la questione". 

notarile melara-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Trieste e Vienna sempre più vicine: in arrivo il nuovo collegamento ferroviario

  • Acqua alta sulle rive e piazza Unità, allagamenti anche a Muggia e Grado (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento