rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Solidarietà

Pasqua e solidarietà: oltre 60 persone in fila alla mensa dei frati di Montuzza

Anche questa mattina nella storica struttura di San Giusto la mensa ha aperto le porte ai meno fortunati. Frate Giovannini:"Da circa un mese, ovvero dallo scoppio della guerra in Ucraina, in fila c'è anche qualche profugo ucraino"

Sono i gesti di solidarietà a dare un significato alle festività religiose. Soprattutto quelli nei confronti dei più bisognosi.

 Sono state oltre 60 le persone che questa mattina si sono messe in fila davanti alla mensa dei frati cappuccini di Montuzza per ricevere un pasto caldo. Alle 11:30, orario di apertura della struttura di San Giusto, erano già una ventina le persone in attesa. I frati hanno consegnato ai bisognosi una busta contenente pasta con ragù, costine, patate in forno e piselli, un po' di frutta e dolci. Oltre al pranzo pasquale sono stati donati anche biscotti, pizzette e qualche brioche, snack che qualcuno ha preferito consumare subito nel cortile interno.

All'ormai storica mensa si sono presentati soprattutto anziani, donne sole e persone che hanno perso il lavoro. "Da circa un mese, ovvero dallo scoppio della guerra in Ucraina, in fila c'è anche qualche profugo ucraino", ci spiega frate Giovannini. "Rispetto alle settimane precedenti, oggi il numero dei bisognosi è aumentato - aggiunge -. In meno di mezz'ora abbiamo finito tutto il cibo. Ora cercheremo qualche cestino da consegnare a chi è arrivato tardi ed è rimasto a mani vuote".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasqua e solidarietà: oltre 60 persone in fila alla mensa dei frati di Montuzza

TriestePrima è in caricamento