Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Meteoman Pocecco, distrutta da ignoti la stazione meteorologica: al via la raccolta fondi

Donazione da parte del gruppo Nimdvm all'amatissimo Paolo Meteoman Pocecco, meteorologo anche di Triesteprima. Adesione anche da parte del gruppo Facebook Te son de Trieste se. La raccolta proseguirà anche nei prossimi giorni

Ha scatenato rabbia la notizia del nuovo atto vandalico alla stazione metereologica di Paolo "Meteoman" Pocecco, il metereologo amatissimo in città, nonché colui che fa le previsioni del tempo anche per Triesteprima.

Già in passato la stazione era stata presa di mira con rilevati danni che Paolo era sempre riuscito a coprire a sue spese, anche cambiando apparecchiature.

Stavolta però, i danni sembrano ancora più gravi del solito. L'allarme, lanciato qualche giorno fa sul suo profilo personale, ha scatenato una valanga di commenti di solidarietà da parte di triestini sconcertati per l’accaduto, conoscendo la pacatezza e la simpatia che contraddistinguono il buon Paolo.

Martedì pomeriggio, Alberto Kostoris, in rappresentanza del gruppo Ndeinmonadevostramare Nimvdm, si è recato presso il negozio di scarpe del papà di Paolo sito in via Giulia 7 per consegnarli un piccolo contributo da parte del gruppo, per consentirgli di tornare a breve all'opera.

«Talvolta - riferisce Kostoris -  mi stupisco ancora circa la cattiveria che alberga nell'animo umano. Qualche disgraziato con atti vandalici ha distrutto la stazione meteo che Paolo Meteoman Pocecco si era fabbricato a casa per informarci sulle previsioni. Ebbene come già anticipato noi ci siamo. Oggi ho avuto il piacere di conoscere Paolo, persona dolcissima educata e mite e gli ho fatto, gli abbiamo fatto, dono di un contributo per rifarsi la sua stazione meteo. Chiunque volesse dare il proprio anche piccolo contributo può passare in Pantofoleria di via Giulia 7. Auguri Paolo e speriamo di rileggere presto le tue precisissime previsioni».

A stretto giro è arrivata anche la dichiarazione di Paolo Meteoman Pocecco «È stato un grande piacere anche per me, davvero ringrazio tutti per l'aiuto, farò il possibile per tornare al più presto e mantenere la promessa che ti ho fatto».

Max Tramontini, fondatore e gestore del gruppo "Te son de Trieste se..", appena saputo della raccolta, ha comunicato l'adesione all'iniziativa.

Ancora una volta la solidarietà unisce tutti i principali gruppi Facebook alabardati. 

La raccolta fondi, cui tanti triestini hanno già promesso dì partecipare, continuerà nei prossimi giorni sempre in via Giulia 7.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteoman Pocecco, distrutta da ignoti la stazione meteorologica: al via la raccolta fondi

TriestePrima è in caricamento