Migranti, Camber (Fi): «Più polizia e militari ai confini»

Il consigliere regionale cita il Sap: «Emergenza dalla rotta balcanica, aggravata dai continui arrivi di migranti respinti dagli altri paesi europei»

Foto di repertorio

Il Consigliere regionale Piero Camber ritiene fondamentale che le misure di controllo per garantire la sicurezza del nostro territorio regionale, investito da un crescente e incontrollato flusso di migranti, siano rese effettive ed efficaci tramite rinforzi, finalmente stabili, delle forze dell’ordine unitamente all’attivazione di un intervento dell’esercito per il pattugliamento della frontiera.

«Per fronteggiare adeguatamente l’emergenza della rotta balcanica, aggravata dai continui arrivi di migranti respinti dagli altri paesi europei, ascoltiamo – chiede il Consigliere forzista – gli appelli lanciati, in questi giorni, dal Sindacato Autonomo di Polizia di Trieste».

Camber (Fi): «Impensabile esperienza goriziana a Trieste»

«È necessario, infatti, – prosegue il Consigliere Camber -  sostenere la Giunta affinché il Governo assuma provvedimenti strutturali, adeguati e stabili, al fine di risolvere le molteplici criticità riscontrate dal SAP: le croniche carenze di organico e di mezzi, i rinforzi temporanei, nonché la progressiva riduzione di importanti presidi del territorio, come avvenuto con la recente chiusura della Squadra Nautica della Polizia di Duino Aurisina, pongono sotto pressione i nostri tutori dell’ordine».

«Mancano, inoltre, le strutture adatte. Anche perché non basta "fermare" chi valica clandestinamente la frontiera: necessita poi "identificare" – sottolinea Camber - attività che richiede altrettanto impiego di uomini…che non ci sono. E così, mentre si identifica, in ambienti assolutamente non idonei, tanto angusti…sono tanti e tanti altri i clandestini che passano indisturbati il confine».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Allo stesso tempo, un intervento dei nostri militari risulterebbe decisivo per sorvegliare il difficile, per tutti i suoi passaggi secondari, confine con la Slovenia e, soprattutto, per contribuire a contrastare con maggior vigore le organizzazioni criminali dedite al traffico di uomini; solo così – conclude Camber - le Forze dell’ordine, grazie ad un contestuale supporto dei militari, potranno svolgere sempre più efficacemente un controllo capillare del territorio regionale, come richiesto dai  cittadini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento