Rotta balcanica in Slovenia, nei guai passeur triestino di 29 anni

L'uomo è stato sorpreso nella zona di Ilirska Bistrica intento a trasportare illegalmente in Slovenia quattro cittadini di nazionalità afghana

Da anni la zona a ridosso del monte Sneznik rappresenta il principale varco d'entrata in territorio sloveno dei migranti provenienti dalla Rotta balcanica, con conseguenti operazioni di polizia che finiscono per rintracciare gruppi di profughi e, in maniera sporadica, per fermare i cosiddetti trafficanti di esseri umani. Nel pomeriggio di ieri 12 novembre, gli agenti di polizia del Dipartimento di Capodistria hanno intercettato un'automobile con targa italiana e guidata da un cittadino triestino di 29 anni. A bordo del mezzo sono stati trovati quattro cittadini di nazionalità afghana entrati in territorio sloveno in maniera illegale. Dovrà rispondere alla magistratura slovena di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Sempre nella zona di Ilirska Bistrica il personale di polizia di Capodistria ha fermato tre cittadini di origine albanese, mentre a Sesana hanno rintracciato un migrante proveniente dal Pakistan. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

  • Coronavirus in Fvg: sfiorati i 1200 contagi in un giorno solo

  • Covid in Fvg: quasi 800 nuovi casi e 11 decessi ma i guariti di oggi sono 430

Torna su
TriestePrima è in caricamento