Cronaca

Si era fatta pagare più di 13mila euro per portare tre migranti in Italia: arrestata passeur di 48 anni

L'arresto è avvenuto lo scorso 1 settembre a Fernetti ed è stato effettuato dagli uomini della Polizia di Frontiera. Tre indiani hanno richiesto la protezione internazionale

Dalla Serbia in Italia nascosti nel bagagliaio di un'autovettura con targa tedesca: arrestata la donna che li accompagnava. Si tratta di tre giovani migranti irregolari di nazionalità indiana che avevano pagato all'organizzatore del viaggio 4500 euro a testa. L'arrestata è una cittadina tedesca di 48 anni, D.M.B. le sue iniziali, che era stata controllata il giorno 1 settembre a Fernetti da una pattuglia del Settore Polizia di Frontiera di Trieste. La conducente e i tre passeggeri sono stati sottoposti al tampone anti-Covid con esito negativo: la prima si trova ora nel carcere locale del Coroneo con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, mentre gli altri tre sono stati indagati a piede libero per violazione della normativa sull'immigrazione.

La cittadina tedesca è stata anche trovata in possesso di 1,05 g di cocaina per uso personale e di conseguenza è stata segnalata alle Autorità competenti. I cittadini indiani hanno manifestato l'intenzione di chiedere la protezione internazionale e attualmente sono ospitati in un'idonea struttura per la sorveglianza sanitaria. L'autovettura utilizzata è stata posta sotto sequestro e sarà affidata in giudiziale custodia a una ditta specializzata. L'arresto della cittadina tedesca è avvenuto nell’ambito delle consuete attività di contrasto al fenomeno dell'immigrazione illegale dalla rotta balcanica. Oltre ad accertare l'identità della conducente, gli agenti della pattuglia della Polizia di Frontiera hanno voluto ispezionare anche il bagagliaio: da qui la scoperta dei tre migranti rannicchiati sotto alcune coperte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si era fatta pagare più di 13mila euro per portare tre migranti in Italia: arrestata passeur di 48 anni

TriestePrima è in caricamento