menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Migranti, Roberti: "Con allargamento permessi aumenteranno arrivi in Fvg"

L'assessore regionale alla Sicurezza: "Contrari al nuovo provvedimento del Governo. Il rischio è diventare nuovamente attrattivi come prima del Decreto Sicurezza quando l'Italia garantiva ai migranti un livello di protezione superiore rispetto agli altri Paesi europei"

"Allargare le maglie per quanto riguarda i cosiddetti permessi speciali non significa solamente consentire a più persone di rimanere sul nostro territorio. Il rischio molto alto è anche quello di diventare nuovamente attrattivi come accadeva prima dell'introduzione del Decreto Sicurezza del 2018 quando, grazie ai permessi umanitari, l'Italia garantiva ai migranti un livello di protezione superiore rispetto agli altri Paesi europei". Questo l'allarme lanciato dall'assessore alle Politiche dell'immigrazione, Pierpaolo Roberti, durante la seduta della Commissione speciale immigrazione e italiani all'estero della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome che si è tenuta oggi in videoconferenza. Commissione chiamata a discutere sul decreto legge 130 del 21 ottobre 2020 "Disposizioni urgenti in materia di immigrazione, protezione internazionale e complementare".

"Chi si vedeva la propria domanda di asilo rifiutata, per esempio in Germania o in Austria - ricorda Roberti -, finiva per tornare nella nostra regione per presentare la medesima richiesta. In Italia, fino all'approvazione del Decreto Sicurezza, la protezione umanitaria veniva infatti concessa in modo praticamente indiscriminato". "Il Friuli Venezia Giulia è da sempre una delle regioni investite direttamente dal fenomeno migratorio che segue la rotta balcanica. Non possiamo diventare di nuovo la destinazione finale anche di questo flusso di ritorno. Basti ricordare - sottolinea l'assessore - che all'epoca, per arginare la difficile situazione venutasi a creare, vennero istituite le pattuglie miste italiano-austriache dedicate al controllo dei confini".

"Sul nuovo provvedimento del Governo diamo comunque un parere complessivamente negativo - afferma Roberti -. Tra le parti che riteniamo particolarmente inopportune anche la decisione di attivare, già nella fase della prima accoglienza, alcuni programmi di inserimento come i corsi di lingua italiana e altre iniziative di carattere assistenziale che adesso vengono garantiti solo in un secondo momento. Molto spesso - rimarca l'assessore in conclusione - chi arriva nel nostro Paese non possiede infatti i titoli per rimanere sul territorio nazionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cucina triestina: la ricetta del baccalà mantecato

Cura della persona

Maskne: cause e rimedi per combattere la nuova acne da mascherina

social

Cucina triestina: la ricetta dei sardoni in savòr

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Giorno della Memoria 2021: posate le prime pietre d'inciampo

  • Incidenti stradali

    Investito da un'auto "pirata", ciclista sessantenne a Cattinara

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento