"Va preso e ammazz@to", l'attacco al ministro Speranza da parte di un Monfalconese

Lo segnala il segretario regionale di Articolo Uno Mauro Cedarmas sul suo profilo: "Gratuita violenza che non trova spiegazioni se non in un odio viscerale e cieco"

"Va preso e ammazz@to. Punto" questo il giudizio che un utente Facebook (tale Sergio Marini, di Monfalcone), rivolge al ministro della sanità Roberto Speranza. Lo segnala il segretario regionale di Articolo Uno Mauro Cedarmas sul suo profilo:

"Il post comparso recentemente sulla pagina del "signor" M.S. è di gratuita violenza e non trova spiegazioni se non in un odio viscerale e cieco. Non entro nel merito delle qualità morali ed etiche del soggetto che si è permesso di esprimere un tale pensiero ma è enorme la difficoltà nel comprendere che questa persona è persona pubblica. La libertà di pensiero è lecita ma l'incitamento alla violenza ed all'assassinio esula da tale libertà. Mi auguro che le frequentazioni di questo signore e le sponsorizzazioni importanti di cui gode (il post è corredato di foto che ritraggono Marini con vari esponenti del centrodestra regionale, ndr) prendano le dovute e doverose distanze da quanto comparso sui social a sua firma.
Purtroppo la degenerazione del linguaggio politico sta assumendo connotazioni sempre meno tollerabili, fake news e violente esternazioni stanno sostituendo il pensiero ed il buon senso, è il momento di dare un freno a tutto questo".
Mauro Cedarmas

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

Torna su
TriestePrima è in caricamento