Rotta balcanica, a Trieste il giorno del ministro Lamorgese

La titolare del Viminale è attesa alle 11 di oggi in Prefettura dove incontrerà le istituzioni. Fuori dal tavolo i sindacati di polizia

Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese arriva a Trieste questa mattina e ad attenderla ci sono le richieste delle istituzioni, le rivendicazioni dei sindacati di polizia e l'ormai usuale sensazione di distanza che accompagna le relazioni tra il confine orientale d'Italia e Roma. 

Si parlerà soprattutto di Rotta balcanica e delle continue mutazioni che il fenomeno migratorio - o chi lo gestisce - mette in atto di fronte alle fragili disposizioni di legge di cui Roma e la Regione Friuli Venezia Giulia dispongono per arginare i flussi. Inoltre, un passaggio importante sarà dedicato ai cosiddetti rinforzi da inviare sulla frontiera. 

Un capitolo importante  dovrebbe essere dedicato alle cosiddette riammissioni e ai protocolli sanitari che le sigle sindacali di polizia regionali chiedono ormai da tempo in modo unitario. Tra loro, i vertici regionali del Sap - sindacato più rappresentato in Fvg e da sempre vicino al centrodestra - hanno annunciato la loro presenza in piazza Unità d'Italia. "Ad oggi nessuno ha risposto alla nostra richiesta di incontro. Per questo motivo saremo sotto la Prefettura" ha fatto sapere Lorenzo Tamaro, segretario provinciale.

Rotta balcanica: rintracciati a Fernetti 45 migranti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento