Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Campo San Giacomo

Minorenne sorpreso a spacciare a coetanei a San Giacomo: denunciato dalla Polizia locale

Il giovane aveva addosso 32 dosi di marijuana

Già da tempo la Polizia Locale sta perfezionando degli interventi mirati ai bisogni di sicurezza dei cittadini e a tutela del decoro urbano, su tutto il territorio comunale. Sono dunque giunti i primi frutti dell'impegno degli operatori e l'incisività dei controlli: proprio nell'ambito di questa attività di controllo e prevenzione del decoro urbano, giovedì scorso (4 gennaio) in zona San Giacomo, una pattuglia del Distretto di via Locchi ha notato due ragazzini seminascosti in atteggiamento sospetto. L'acume e l'esperienza degli operatori li hanno portati ad avvicinarsi per una verifica sui documenti che rivelavano subito la minore età di entrambi; la vicinanza fisica aggiungeva un nuovo preoccupante elemento, costituito dal pregnante odore di marijuana che aleggiava loro intorno. Interpellati al riguardo, uno dei due ha esibito spontaneamente un piccolo quantitativo di "erba". 

Il dubbio che ci potesse essere dell'altro ha indotto la pattuglia a scortare i ragazzini alla Caserma di via Revoltella per un'ispezione più accurata e che, purtroppo, ha confermato l'intuizione: il ragazzo che aveva esibito il modesto quantitativo, in realtà aveva con sé ben 32 involucri di marijuana pronti per lo spaccio, un bilancino di precisione ed una busta contenente - con buona probabilità - una smart drug (inviata subito al laboratorio di analisi per capire se rientra nella tabella delle sostanze illegali). Una quantità notevole rivelatrice di un commercio illecito, probabilmente a coetanei. 

Il ragazzo è stato denunciato alla Procura presso il Tribunale per i minorenni per detenzione e spaccio: dopo gli adempimenti di rito, i due giovani sono stati affidati ai rispettivi genitori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minorenne sorpreso a spacciare a coetanei a San Giacomo: denunciato dalla Polizia locale

TriestePrima è in caricamento