menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mobilità volontaria, accordo Telesca-CGIL: «Storica intesa a tutela dei lavoratori»

Alessandro Baldassi, responsabile sanità della Funzione pubblica Cgil del Fvg: «È la prima volta che in questa regione si firma un accordo con regole certe e trasparenti sulla mobilità del personale, in un comparto in cui operano 20.000 dipendenti»

«È la prima volta che in questa regione si firma un accordo con regole certe e trasparenti sulla mobilità del personale, in un comparto in cui operano 20.000 dipendenti». Alessandro Baldassi, responsabile sanità della Funzione pubblica Cgil del Fvg, commenta così l’intesa siglata tra i sindacati e l’assessore alla Salute Maria Sandra Telesca. «Le aziende sanitarie e ospedaliere – aggiunge Baldassi – saranno tenute ad applicare, in materia di mobilità del personale, criteri che danno applicazione ai principi della riforma e che sono tesi a tutelare i lavoratori con figli minori, parenti da assistere o difficoltà specifiche nella gestione dei carichi familiari. Il tutto con graduatorie pubbliche e dando precedenza alla mobilità volontaria».

A completare l’intesa un secondo accordo sulle risorse da stanziare per incentivare i processi di mobilità attuati nel corso di quest’anno, in modo da ridurre almeno in parte i disagi della mobilità obbligatoria dall’attuale sede di servizio alla nuova sede. «Attraverso tali fondi – spiega ancora Baldassi – sarà riconosciuta un’indennità proporzionale alla maggiore distanza della nuova sede di lavoro».

Se da un lato la Fp-Cgil esprime soddisfazione per la duplice intesa, «che tutela i veri protagonisti della riforma, cioè i lavoratori», dall’altro continua a incalzare la Giunta sul versante assunzioni. «L’accordo sulla mobilità – conclude Baldassi –  non può bastare rispetto alla fatica ed ai sacrifici di chi manda avanti la sanità regionale. Chiediamo assunzioni da subito per coprire gli enormi vuoti di organico, con 800 posti persi negli ultimi cinque anni, e il rinnovo del contratto di lavoro, fermo dal 2009».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento