Molestie sessuali sulle figlie: condannato a due anni

“Ci massaggiava e poi ci toccava” la testimonianza scioccante delle due ragazze. Riceveranno un rimborso di 22.500 euro

Aveva abusato sessualmente delle due figlie minorenni e ieri è arrivata la sentenza: due anni di reclusione (con pena sospesa in quanto primo reato) più il risarcimento di 22.500 euro. La condanna al padre 45enne, richiesta dal PM Maddalena Chergia, è stata accolta dal giudice Filippo Gulotta in seguito alla denuncia, avvenuta nel 2016, di molestie reiterate alle due ragazze.

“Iniziava a massaggiarci, poi ci infilava le mani nelle mutande, è successo più e più volte” questa la testimonianza scioccante delle figlie, una delle quali ricorda di aver subito molestie ripetute soprattutto dai 10 ai 12 anni, mentre la maggiore all'età di 14 anni. All'epoca era in corso la separazione tra i due genitori e la madre, appena venuta a conoscenza degli abusi dopo la disperata confessione della figlia più piccola, ha sporto denuncia.

Da quel momento le figlie, difese dall'avvocato Giovanna Augusta De'Manzano, non hanno più rivisto il padre e hanno testimoniato due volte: prima dal GIP Laura Barresi in incidente probatorio e poi in dibattimento pochi mesi fa, dove hanno confermato in modo coerente quanto avevano già raccontato. La minore delle due ha confessato in preda ai singhiozzi che tuttora soffre di ansia, incubi e terrori notturni in quanto il padre avrebbe abusato più di lei che della sorella ora maggiorenne. Il 45enne, difeso dagli avvocati Silvia Piemontesi e Luca Ferrucci, è stato condannato a risarcire 15mila euro alla figlia più piccola. 7.500 euro alla più grande.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il prossimo mese è prevista anche l'udienza civile in cui saranno ridefiniti i termini di separazione della coppia, non solo dal punto di vista economico. “Le due ragazze, insieme alla madre, sono donne di grande coraggio, perchè occorre corraggio a denuciare fatti connotati da tale stigma sociale, stigma spesso più per le vittime che per chi agisce le violenze. Auguro loro – conclude - di poter trovare nel prossimo futuro un po' di serenità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia blocca i viaggi all'estero

  • Visite Rsa e accesso ai teatri e cinema: ecco la nuova ordinanza di Fedriga

  • "Un caro saluto a tutti i negazionisti": il selfie dalla Terapia intensiva di Cattinara

  • Coronavirus, in Fvg 165 nuovi contagi e un decesso

  • La segnalazione: "Il ponte sul canale prima o poi viene giù". Il Comune: "A novembre via ai lavori"

  • Focolaio in casa di cura ad Aurisina: 18 positivi a Pineta del Carso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento