Picchiano il cane e svaligiano la casa: furto in pieno giorno a Monfalcone

I ladri hanno fatto sparire soldi e monili per un valore di 4500 euro circa e persino una fede matrimoniale

Picchiano il cane con un ombrello e svaligiano la casa. È successo qualche giorno fa a Monfalcone, nella centrale via Donizetti, dove i malviventi hanno manomesso la serratura della porta d'entrata dell'appartamento di una giovane coppia che in quel momento si trovava fuori casa.
Ad attenderli soltanto lui, il cagnolino di casa, un meticcio di piccola taglia che nonostante la sua dimensione ha cercato di fare del suo meglio per allontanare i ladri e dare l'allarme. I malviventi senza il minimo scrupolo hanno afferratto un ombrello dal pianerottolo e hanno iniziato a colpire il cane fino a farlo smettere e chiuderlo nel soggiorno.

I proprietari una volta rientrati hanno così ritrovato la casa svaligiata e il loro amato cane riempito di botte e terrorizzato.
Dall'abitazione i ladri hanno fatto sparire soldi e monili per un valore di 4500 euro circa e persino una fede matrimoniale, dal valore affettivo senz'altro più significativo di quello economico.
Il marito ha allertato subito la Polizia che è intervenuta a constatare le condizoni della casa e dell'animale.
Pare accertato che i malviventi si fossero ben informati sulle abitudini della coppia prima di intervenire, dal momento che sono riusciti a entrare indisturbati in pieno giorno nelle quattro ore in cui nessuno era in casa.
 



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento