rotate-mobile
Sotto la cima del Duranno

Colti dal buio in alta montagna, recuperati due escursionisti, tra loro un triestino

L'uomo, del 1962, assieme ad un compagno di escursioni residente a Roma, è stato recuperato dai tecnici del Soccorso Alpino nei pressi della cima del monte Duranno, ad oltre 2000 metri di quota

Si sono concluse questa mattina intorno alle 9.30 le operazioni di soccorso dei due escursionisti che nella notte di domenica 9 luglio avevano inviato una richiesta di soccorso  per essere stati colti dal buio su terreno ripido e impervio sulle rocce lungo la discesa dal Monte Duranno a quota 2200 metri. I due escursionisti, un triestino del 1962 e un uomo residente a Roma del 1966, stavano bene e d'accordo con i soccorritori si è deciso di attendere le prime luci dell'alba per una rivalutazione sulle decisioni da prendere. Questa mattina i due escursionisti, che non erano riusciti a raggiungere la cima del Duranno, hanno riferito di non sentirsela di scendere da soli ed è stato mobilitato, in accordo con la Sores, l'elicottero della Protezione Civile.

Si trovavano infatti bloccati su roccette di secondo grado (su una scala di sei gradi di difficoltà). Tre soccorritori della stazione Valcellina del Soccorso Alpino sono stati imbarcati al campo base e portati in quota. L'elicottero ha potuto atterrare e attendere a motore spento nei pressi di Forcella Duranno. I soccorritori sono saliti a piedi fino a raggiungere i due. Li hanno imbragati e legati alla corda e condotti lungo le balze rocciose fino nella zona dove il terreno era più agevole per imbarcarli e depositarli al Rifugio Maniago. Una volta giunti al rifugio i due sono scesi autonomamente fino a recuperare la propria automobile. I soccorritori sono stati prelevati con una seconda rotazione e portati a valle al campo base. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colti dal buio in alta montagna, recuperati due escursionisti, tra loro un triestino

TriestePrima è in caricamento