Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Mortale in via Filzi, il cordoglio di Trieste Trasporti: "Vicini alla famiglia della vittima"

L’azienda ha espresso il proprio cordoglio con una nota stampa. L’autobus è stato posto sotto sequestro penale

A seguito del tragico incidente di questa notte, Trieste Trasporti, con una nota stampa, ha voluto esprimere il proprio cordoglio. "In questo momento di profondo dolore, il presidente di Trieste Trasporti Pier Giorgio Luccarini e l’amministratore delegato Aniello Semplice, insieme con tutti i collaboratori, si stringono affranti e commossi alla famiglia della giovane donna deceduta stamane nel violento incidente stradale che ha coinvolto un autobus della linea C a Trieste - si legge nella nota stampa -. L’azienda esprime la più sentita vicinanza ai familiari della vittima e abbraccia il giovane uomo rimasto ferito nello scontro".

"Dalle prime ricostruzioni - continua la nota -, lo scooter proveniva da via Filzi a velocità sostenuta e ha mancato di dare la precedenza all’autobus che procedeva lungo via Ghega, diretto in via Carducci. L’impatto tra lo scooter e la parte anteriore destra dell’autobus è stato violentissimo. Il conducente del mezzo, 45 anni, ha immediatamente tentato di rianimare la ragazza praticandole un massaggio cardiaco in attesa dei soccorsi, purtroppo invano. Il conducente è stato anch’esso condotto all’ospedale di Cattinara sotto shock. Trieste Trasporti è a disposizione delle forze di polizia e delle autorità inquirenti al fine di consentire una accurata e compiuta ricostruzione dei fatti. L’autobus è stato posto sotto sequestro penale".

“Dall’azienda - conclude la nota-, un grande abbraccio anche al conducente in questo momento difficile della sua vita professionale, con l’auspicio di riaverlo quanto prima alla guida: il suo tentativo di rianimare la ragazza ne mostra la prontezza e la grande professionalità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mortale in via Filzi, il cordoglio di Trieste Trasporti: "Vicini alla famiglia della vittima"

TriestePrima è in caricamento