Cronaca

Foibe, FdI: "Comand sia commemorato in Regione e Comune"

Giacomelli e Matteoni: "Presenteremo formale richiesta sia in consiglio comunale a Trieste sia in consiglio regionale". Fedriga: "Condoglianze ai familiari di un uomo stimato che ha saputo affrontare con senso del dovere e lucidità uno dei più esecrabili orrori del comunismo titino"

“Presenteremo formale richiesta sia in consiglio comunale a Trieste sia in consiglio regionale per commemorare Giuseppe Comand, uno degli ultimi testimoni oculari della tragedia delle foibe” a dirlo Claudio Giacomelli e Nicole Matteoni segretario e vice segretario provinciale di Fratelli d’Italia Trieste e membri del coordinamento regionale di Fratelli d’Italia FVG: “il suo coraggio nel raccontare ciò che vide e ciò che fece durante il lavoro di recupero dei corpi di tanti italiani uccisi dai partigiani assassini comunisti di Tito gettati nelle foibe, merita questo e altro".

Commendatore della Repubblica

"Per il suo valore infatti fu insignito nel 2018 del titolo di commendatore al merito della Repubblica dal Presidente Mattarella - continuano Giacomelli e Matteoni - ed è nostro compito lavorare sempre più per diffondere, nelle scuole e nelle università, i tragici fatti accaduti in tempo di pace nella Venezia Giulia, in Istria, a Fiume e in Dalmazia. Anche Giorgia Meloni ha voluto ricordare una figura così importante ribadendo che anche per il suo impegno e per la sua testimonianza: Fratelli d’Italia non ha mai smesso di chiedere verità e giustizia per gli italiani d'Istria, Fiume e Dalmazia. In sua memoria e per quella di tutte le vittime non smetteremo mai di raccontare uno dei capitoli più bui e spesso ignorati della storia d'Italia”.

Il ricordo di Fedriga

Un commossoricordo anche da parte del presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga: "La scomparsa alla soglia dei cent'anni di Giuseppe Comand, ultimo testimone oculare del recupero degli infoibati in Istria, desta commozione e ci ammonisce preservare nella comunità regionale e internazionale quella memoria che abbandona la vita delle persone. Rivolgo le più sentite condoglianze ai familiari di un uomo stimato che ha saputo affrontare con senso del dovere e lucidità uno dei più esecrabili orrori del comunismo titino".

"E' nostro compito ora - ha concluso il governatore - mantenere la lanterna accesa sui fatti certificati dai testimoni della storia perché pagine come quelle vissute da Comand possano essere conosciute dalle giovani generazioni per non essere mai più scritte".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foibe, FdI: "Comand sia commemorato in Regione e Comune"

TriestePrima è in caricamento