rotate-mobile
Lutto nel mondo della vela

Il mondo della vela triestina piange "Roby" Vencato

Il suo nome campeggiava sulle vele della barca Ufo28 Bandito, vincitrice della Barcolana by Night: un tributo dell'armatrice e dell'amico Roberto Sponza. L'assessore Roberti: "Il mondo della vela italiano e internazionale oggi ha perso un frammento della sua anima"

E’ venuto a mancare nelle prime ore del mattino Roberto Vencato, velista olimpionico e molto noto a Trieste. Il suo nome campeggiava sulle vele della barca Ufo28 Bandito, vincitrice della Barcolana by Night, infatti l’amico di una vita Roberto Sponza, che lo aveva accompagnato a Montreal 1976, aveva coinvolto l’armatrice di Kicca Tuniz per organizzare un gesto d’affetto nei suoi confronti: il suo nome stampato sulla vela come supporto per “un amico che sta combattendo la regata più difficile della sua vita”, quella contro una malattia che lo affliggeva da tempo e che, purtroppo, gli è stata fatale.

Vencato si era avvicinato alla vela a otto anni presso la Triestina della Vela. Dopo le olimpiadi canadesi aveva allenato la squadra nazionale e olimpica per quattro campagne olimpiche, ottenendo con i suoi atleti 12 titoli mondiali, cinque europei e tre medaglie d’oro ai Giochi del Mediterraneo. Ha anche fondato una sua veleria, con la quale ha ha creato molti progetti vincenti, tra cui proprio le vele per l’Ufo 28 Bandito. Per questo, sia il tributo che la vittoria dell’imbarcazione gli erano stati di conforto negli ultimi momenti della sua vita. Lascia la moglie Lai e moltissimi amici.

Una nota di cordoglio arriva dalla Regione, firmata dall'assessore Pierpaolo Roberti: "Il mondo della vela italiano e internazionale oggi ha perso un frammento della sua anima. La scomparsa di Roberto Vencato segna una ferita insanabile per Trieste e l'intero Friuli Venezia Giulia che soffrono per la scomparsa di un uomo audace e di uno sportivo di primissimo livello".

Per l'assessore, Vencato rappresenta "una pagina importante della storia della vela del nostro paese" oltre a essere "un grande velista, un ottimo maestro e una guida per tanti giovani che si sono avvicinati a uno sport complesso e impegnativo, che regala grandi soddisfazioni ma richiede anche enorme impegno e spirito di sacrificio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mondo della vela triestina piange "Roby" Vencato

TriestePrima è in caricamento