Cronaca

Morte Spiro dalla Porta Xydias, Stazione Soccorso alpino di Trieste ricorda il suo fondatore

Il ricordo della Stazione di Trieste del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico

Foto tratta dal sito www.soccorsoalpinotrieste.it/

La Stazione di Trieste del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico ricorda il suo fondatore Spiro dalla Porta Xydias: «“Scalata all’Infinito” è uno dei titoli di Spiro Dalla Porta Xydias, e lui, la sua, l’ha ultimata ieri, 18 gennaio, a pochi passi dalla soglia dei cento anni. Nel settembre del 2016 la Stazione del Soccorso Alpino di Trieste – insieme alla Delegazione Regionale del Friuli Venezia Giulia – ha potuto festeggiare con lui, che ne è stato il fondatore, i 60 anni dell’operatività. E anche questo è stato un traguardo significativo».

«Ciascuno lo potrà ricordare per un gesto, una parola detta o scritta, uno sguardo sorridente (come quello di uno dei suoi ritratti più recenti, di Piero Pausin). Qualcuno magari anche per una salita compiuta insieme (l’ultima arrampicata l’aveva fatta a ottant’anni, sulla “via dei Tedeschi” al Chiadenis)».

Il Soccorso Alpino lo ricorda attraverso le ultime parole dell’intervista sull’aiuto in montagna, rivolte proprio ai volontari del sodalizio a cui era legato: "Quello che non deve cambiare è lo slancio, la motivazione interiore, profonda per cui fai il soccorritore. Quella ciascuno deve trovarla, deve cercarla, rinnovarla. È una motivazione che nasce all’incrocio tra il senso dell’elevazione e quello della solidarietà: a questo incrocio alle volte un uomo capisce di dover diventare alpinista e un alpinista si ricorda di dover essere anzitutto un uomo". Arrivederci Spiro, anche per te è arrivato il tempo della salita da cui non si scende, perché ci si trattiene senza fine in contemplazione dell’Infinito».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Spiro dalla Porta Xydias, Stazione Soccorso alpino di Trieste ricorda il suo fondatore

TriestePrima è in caricamento