menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Movida a suon di black music, Miguel Selekta: «A Trieste divertimento di qualità in sicurezza»

Intervista a Miguel Selekta, uno dei responsabili dei gruppi “Papastuff” e di “Black Magic Shake”, molto attivi nelle notti triestine: «Per me la movida è l'insieme delle opportunità di divertimento e svago notturno. In questo Trieste, comparandola a città di grandezza simile, è un’isola felice»

Da oltre quindici anni fa divertire i triestini a suon di black music in tutti i principali locali cittadini (e non): stiamo ovviamente parlando di Miguel Selekta, uno dei responsabili dei notissimi gruppi “Papastuff” e “Black Magic Shake”.

«Sono metà venezuelano – di Caracas – e metà italiano, ma triestino d’adozione, visto che sono ormai tantissimi anni che risiedo in pianta stabile a Trieste. Sono principalmente un Dj e un organizzatore di serate ed eventi. La prima festa l’ho organizzata una quindicina di anni fa, nel 2000, all’interno di una villa che a quel tempo veniva affittata a studenti universitari. È stato un grandissimo successo con centinaia di giovani che hanno affollato il party; basti pensare che i presenti hanno ancora il ricordo indelebile della serata. L’anno dopo ho iniziato a collaborare con il Papastuff come PR e dj, aprendo o chiudendo le serate. Gradualmente poi mi hanno responsabilizzato sempre di più, anche grazie al grande impegno da me profuso in questi anni, ed ora sono uno dei coordinatori dello stesso. Un altro incontro importantissimo per la mia carriera è stato quello con Frankie Hi-nrg MC?, che mi ha dato l’occasione di girare l’Italia diventando il dj ufficiale dei suoi showcase. Tra le principali esperienze che ho avuto all’estero, è stata la possibilità di suonare per un’intera stagione a Hong Kong nei più importanti club ed ho avuto anche modo di essere protagonista in diverse serate a Parigi sugli Champs-Élysées. Da non dimenticare poi l’esperienza al Rototom Sunsplash anche se, come detto, la mia base è stata sempre Trieste, dove in questi anni ho continuato a suonare ed organizzare eventi»  12094778_1261722223853227_1604760378354161822_o-2

«Quest’inverno – continua Miguel -  per me sarà particolarmente intenso, in quanto abbiamo ben tre appuntamenti fissi a settimana più ulteriori eventi aggiuntivi straordinari. Si parte il martedì al Mandracchio (Passo di Piazza Antonio Fonda Savio) con le serate “Be Erasmus” dedicato al mondo universitario, specialmente a coloro che arrivano dall’estero per studiare. Queste feste sono contraddistinte per essere particolarmente latineggianti, con il genere reggaeton che va per la maggiore. Vorrei sottolineare come questo appuntamento sia il primo assoluto in città, a cadenza settimanale fissa del martedì, dedicato alla discoteca. Mai in città si è pensato di organizzare una cosa del genere, visto l’alto rischio che ciò comportava. Noi ci abbiamo creduto fino in fondo ed i risultati positivi ci stanno dando ragione. Il mercoledì poi raddoppiamo con le serate “University of Groove” al Colonial (Via Canal Piccolo 2/C), appuntamento universitario dedicato al mondo dell’Hip-Hop, RnB, dancewall e  reggaeton. Ma non finisce qui: ogni venerdì, a partire dal 23 ottobre, sempre al Mandracchio si svolgeranno le serate “Smart Friday”, musica prettamente da “Papastuff” e, oltre a me, si alterneranno alla consolle Giuann Shadai  e Lambi Lion (i tre, assieme a Dj Fog, formano proprio il collettivo di dj “Papastuff”). Tra gli altri appuntamenti ricordo il grande evento di Halloween che il Papastuff organizzerà nuovamente al Molo 4, dopo i sold-out degli anni scorsi. Le prevendite stanno andando benissimo ed invito tutti coloro che vorranno passare Halloween con la nostra musica e la nostra allegria di affrettarsi ad acquistare il ticket d’ingresso, perché è praticamente nuovamente scontato il tutto esaurito». 

«Curo anche un programma su Radio Piterpan (facente parte del network di Radio Bellla&Monella e Birikina, che organizzano il Festival Show e di cui Triesteprima ha seguito diverse tappe nell’ultima edizione ndr.) chiamato “Black Magic Shake Radio Show” assieme a Giuann Shadai. La selezione va in onda tutti i sabati dalle 15 alle 16 ed in replica la domenica dalle 14 alle 15 e il lunedì in prima serata dalle 21 alle 22».

12091387_1261720110520105_4630482030304603679_o-2«La principale differenza – precisa ancora Miguel -  tra le serate “Papastuff”(che ha esordito nel 1992 ndr.) e quelle “Black Magic Shake” consiste nel fatto che la prima ha il principale scopo di voler far divertire al massimo tutti i presenti, senza peraltro avere grandi pretese. È un prodotto commerciale, ma stiamo comunque attenti a proporre pezzi dignitosi che rientrino tra i generi prediletti da chi da anni frequenta le nostre feste. Oltre ai generi classici spesso si sfora in altri generi, come quelli del rock e dell’elettronica. I party “Black Magic Shake” sono nati 4 anni fa, nel 2011. Come si può intuire dal nome della serata, la black music la fa da padrone, quindi generi come hip-hip, soul, raggae. Questi eventi sono un po’ più personalizzati da me stesso, potendo metterci più del mio nelle selezioni musicali proposte».

Andando più nello specifico della realtà triestina, l’argomento principale dell’estate è sicuramente quello della movida. «Per me la movida – spiega il dj –  sono le diverse opportunità di divertimento e svago notturno che una città mette a disposizione di giovani e non. In questo Trieste, comparandola a città di grandezza simile, è un’isola felice, con numerose occasioni di svago, specialmente durante l'inverno, che riescono anche ad abbinare la qualità alla quantità  dell’offerta proposta. È sciocco, come talvolta viene fatto, proporre indecenti paragoni con città come Londra, Parigi, Milano o Roma: parliamo di realtà completamente differenti che non possono essere messe a confronto».

«Riuscire – ancora il dj -  a far convivere il diritto al divertimento notturno dei giovani con l’altrettanto giusto diritto al riposo? È possibile, come è possibile anche un punto d’incontro tra i giovani e gli anziani della città, e le Istituzioni dovrebbero farsi portavoce e garanti di questa occasione».

«Le nostre serate – conclude Miguel Selekta -  sono ancora un’opportunità per i turisti in quanto offriamo divertimento e svago notturno e ciò può contribuire al maggior grado di soddisfazione del viaggiatore stesso verso la località turistica scelta, aumentando il passaparola tra amici e conoscenti, andando così ad incrementare anno dopo anno il turismo a Trieste».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento