menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mozione sulle bici, Ln: «Libertà dei ciclisti finisce dove inizia quella dei pedoni»

Lippolis: «I ciclisti maleducati e strafottenti sono un problema», Roberti: «Molte segnalazioni di pedoni che hanno evitato d'un soffio l'investimento»

«Sono davvero contento di aver presentato la mozione per il divieto ai ciclisti di circolare nelle zone pedonali» così dichiara il consigliere della Lega Nord Antonio Lippolis: «Sono contento perché si è accesa una bella discussione sul problema dei ciclisti maleducati e strafottenti. Un problema da risolvere tutti insieme, con il vicesindaco, con gli altri consiglieri e con le associazioni. Non c'è da parte mia la volontà di andare avanti con le mie posizioni a testa bassa ma soltanto di risolvere il problema. Li aspetto e vi aspetto in commissione il giorno 5 settembre per una prima discussione. La libertà dei ciclisti - conclude Lippolis - finisce dove inizia la libertà dei pedoni».

Sostiene fermamente la mozione anche il vicesindaco Pierpaolo Roberti: «Affronta un problema reale e sentito. Ora non so se lo fa nel modo corretto e se questa sia la soluzione, avremo tempo per discuterne in aula, ma senz'altro qualcosa bisogna fare. Sempre più spesso arrivano segnalazioni di pedoni che hanno evitato d'un soffio l'investimento da parte di qualche incivile e anche il consigliere Piero Camber solo un mese fa aveva posto l'attenzione sulla pericolosità delle biciclette che transitano sul marciapiedi a Barcola. Come già detto altre volte, non c'è alcuna battaglia contro i ciclisti, ma contro i maleducati, di tutti i tipi, e la continueremo».

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Piste ciclabili nelle zone pedonali: politica e città divisa, tu cosa ne pensi?

La mozione di Antonio Lippolis (Lega Nord) che vuole vietare le zone pedonali alle bici - ovviamente il passaggio con la spinta a mano è consentita - ha acceso il dibattito politico e sociale. C'è chi accusa i ciclisti di fare lo slalom o andare troppo veloce, chi li difende perchè si tratta di un modo di vivere la città (e il turismo) a zero impatto ambientale - e gli incivili ci sono in tutte le categorie della strada -.



Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, il Friuli Venezia Giulia rimane in zona gialla

  • Cronaca

    Porto vecchio: variante urbanistica nell'Accordo di programma, sì agli investimenti

  • Cronaca

    Presidente del Consiglio regionale positivo al Covid: "Sto bene"

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

  • Arredare

    Letto con box contenitore: modelli, costi e vantaggi

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento