rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Muggia: continua l'efficientamento energetico. Il comune rivierasco primo in regione

Un appalto del valore di 3.016.870 euro, della durata di 10 anni che vedrà un unico referente per l'approvvigionamento di fonti energetiche primarie al fine di conseguire i migliori standard di risparmio energetico e salvaguardia dell'ambiente.

Il Municipio, la sede di via Roma, il Centro “G.Millo”, il comando della Polizia Locale e la cucina, i nuovi magazzini comunali, il museo archeologico, il “Carà”, il teatro “G. Verdi”, ma anche la palestra “Pacco”, le scuole “De Amicis”, “Biancospino”, “Giardino dei Mestieri”, “Loreti”, “Zamola”, “Bubnic”, “Sauro”, asilo Nido e la casa di Riposo: tutti gli edifici comunali gestiti da un contratto di Servizio Energia Plus.
Con una procedura ad evidenza pubblica era stato affidato in concessione lo scorso novembre il servizio di efficientamento energetico, adeguamento normativo, riqualificazione ed ottimizzazione degli impianti termici e gestione calore del Comune di Muggia che proprio in questi giorni è diventato operativo.

Disciplinato dal DLgs 115 del 30 maggio 2008, il contratto Servizio Energia Plus introduce per la prima stipula contrattuale l’impegno di riduzione di almeno il 10% dell’indice di energia primaria per la climatizzazione invernale con conseguente aggiornamento dell’attestato di certificazione energetica, che darà modo di avere contezza dell’evolversi dell’effettivo risparmio nel tempo.

Un appalto del valore di 3.016.870 euro più iva, della durata di 10 anni che vedrà, dunque, un unico referente per l’approvvigionamento di fonti energetiche primarie, per la loro trasformazione e per la gestione ottimale dei relativi impianti al fine di conseguire i migliori standard di sicurezza, risparmio energetico e salvaguardia dell’ambiente. 

Il proponente, l’impresa Cristoforetti -di via di Vittorio3, Lavis (TN)- avendo esercitato il diritto di prelazione è divenuto aggiudicatario del bando impegnandosi ad adempiere alle obbligazioni contrattuali. Gli interventi che si andranno a realizzare hanno un valore di 681.880 euro più iva, dei quali oltre 290 mila di interventi obbligatori e oltre 382 mila di proposti.

Il Comune di Muggia è il primo ente in regione ad aver realizzato un contratto di questo tipo attraverso un project financing!
Un contratto che, quindi, non solo garantirà una riduzione del 10% dei consumi, ma che, entro il primo anno realizzerà una serie di opere a dir poco significative.

Tra queste, la più importante sarà, indiscutibilmente, per portata, l’intervento di isolamento termico esterno della Casa di Riposo - l’edificio più energivoro dell’Ente - che vedrà anche la realizzazione dell’impianto di climatizzazione.
Sempre in Salita Ubaldini, ma anche sulla palestra “Pacco” e su quella della scuola media “Sauro” sarà, inoltre, installatato un impianto solare termico con diversi collettori che permetteranno la produzione di acqua calda.

Altri 6 edifici vedranno, invece, l’installazione di numerose valvole termostatiche che permetteranno la manutenzione costante della temperatura in ciascun ambiente modulando il calore fornito dai caloriferi. Ciò permetterà, una regolamentazione su misura che garantirà di evitare sprechi operando in modo mirato in tutti quegli edifici come il Municipio, per esempio, nel quale non vi è un uniforme esposizione al sole e si potrà, pertanto, usare l’energia termica solo ove effettivamente necessario.
Non mancheranno, inoltre, gli interventi di sostituzione delle caldaie con nuovi gruppi termici più efficienti per aumentare il risparmio energetico del sistema, ma gli interventi previsti saranno davvero tanti oltre a questi

Al fine di condividere i benefici di una efficiente gestione dell’impianto termico, inoltre, è prevista la stima di un tetto di energia termica erogata oltre il quale nessun ulteriore compenso viene richiesto all’Ente.

«In un periodo di scarsità di risorse economiche – fa fatto sapere l’assessore Longo- stiamo sfruttando al meglio le possibilità che ci arrivano dal perseguimento delle politiche dirette al risparmio energetico ed ambientale su tutti i fronti».

Soddisfatto anche il sindaco Nerio Nesladek: «È un passo davvero importante nel percorso intrapreso dalla mia Amministrazione all’insegna del risparmio e dell’efficientamento energetico. Un passo che vedrà importantissimi investimenti diretti a ridurre i consumi di tutti gli edifici comunali in un nuovo e innovativo percorso della gestione dell'energia e del calore che ci permetterà di produrre risparmi energetici, ambientali ed economici importantissimi».

Non si dimentichi, infatti, che oltre alla rivoluzione a LED dell’illuminazione pubblica, che ha prodotto la realizzazione di 1187 punti luce, sui 2747 complessivi esistenti (oltre il 43% dunque è fondato sul risparmio energetico), molti edifici sono già stati interessati da varie forme di efficientato da un punto di visto energetico: la “De Amicis”, per esempio, ha visto la realizzazione di un impianto a biomasse, all’insegna anche dell’uso di fonti rinnovabili negli edifici pubblici. 

E l’impegno nelle scuole non si è esaurito nella De Amicis. Sempre nello scenario del risparmio energetico, per esempio, rientra anche l’istallazione di una serie di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica sugli edifici comunali. Degli otto installati cinque  si trovano proprio in edifici scolastici: la scuola media “N. Sauro”, il Nido d’infanzia “Iacchia”, la scuola dell’infanzia “Biancospino”, la scuola primaria “A.Loreti”  e la scuola con lingua d’insegnamento slovena “Bubni?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muggia: continua l'efficientamento energetico. Il comune rivierasco primo in regione

TriestePrima è in caricamento