menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Muggia festeggia il Carnevale con i ragazzi delle zone terremotate

L'intera cittadina solidale con la giovane comitiva di Acquasanta Terme (Ascoli Piceno)

La solidarietà travolge Muggia

 

Arriverà a Muggia sabato 25 febbraio e ripartirà lunedì 27 la comitiva proveniente da Acquasanta Terme (in provincia di Ascoli Piceno) ospite del Comune di Muggia in questi tre giorni di festeggiamenti carnevaleschi.
Partenza all’alba su un pullman della Spalazzi bus di Acquasanta e dopo circa otto ore e mezza di viaggio i 29 ragazzi, accompagnati da due insegnanti e due genitori dovrebbero, traffico permettendo, giungere nella città istroveneta.

«Sono ragazzi di tre classi di prima e seconda media dell’Istituto Comprensivo del Tronto e Valfluvione, che si spera di riuscire a coinvolgere nella festa e nell'allegria che caratterizzano il nostro Carnevale per rientrare poi alle proprie terre con il ricordo di tre giorni trascorsi in spensieratezza» ha raccontato l’assessore Luca Gandini.
L’iniziativa del Comune di Muggia nasce in realtà dal contatto fornito dal muggesano Mauro Besednjak, vigile del fuoco operativo proprio ad Ascoli Piceno l’agosto scorso.


«Oltre all’ospitalità del gruppo di Acquasanta - ha fatto sapere Luca Gandini - ci piacerebbe riuscire a dare un aiuto concreto anche all’Istituto da cui i ragazzi provengono attraverso una donazione secondo le direttive date dalla scuola stessa. Per questo abbiamo pensato che l’ormai tradizionale appuntamento con la Megafrittata del lunedì in piazza, potesse essere l’occasione giusta per chi volesse dare il proprio contributo. Purtroppo i ragazzi a quell’ora saranno già in viaggio, per non perdere un altro giorno di scuola, ma siamo certi che non per questo Muggia sarà meno solidale. D’altronde ne ha data ampia prova in questi giorni!».

Concorde il sindaco Laura Marzi che ha rimarcato come «Siamo estremamente riconoscenti verso tutta la città e vorrei davvero ringraziare tutti coloro che, a diverso titolo, con il loro contributo hanno contribuito e contribuiranno a rendere il soggiorno di questi ragazzi indimenticabile. Questa è la Muggia che conosciamo e di cui andiamo tutti fieri».Davvero tanta infatti la generosità e la solidarietà dimostrata dai muggesani, che si stanno impegnando in tutti i modi per rendere questo soggiorno il più magico possibile.

Un ringraziamento particolare va, pertanto, a tutti coloro che generosamente offriranno la merenda di sabato -la Compagnia Bulli e Pupe con la Gelateria Jimmy, la Gelateria Easy, il Ristorante “al Ristoro de Ciampore” e il “Foschiatti Spriz Café” - ed i pranzi e le cene di questi tre giorni - la Trattoria “All’America”, la Trattoria “Alla Marina”, la Paninoteca “Mia Santola” e l’Azienda Agricola Scheriani.
Un grazie anche al giovane Federico Bossi, che si è offerto di raccontare ai ragazzi un po’ della nostra città, alla Trieste Trasporti che si è dimostrata disponibile per il trasporto sul Delfino Verde e all’Hotel San Rocco che è venuto incontro all’Ente nella gestione del pernottamento della comitiva.

«Ci siamo premurati di informarli di quanto sia radicata nella nostra città l'abitudine di mascherarsi a qualsiasi età in quelle giornate, aspetto che è stato accolto con grande entusiasmo anche perché il Carnevale era una tradizione molto sentita anche da loro prima dei tristi eventi che li hanno colpiti» ha precisato Gandini.
«Eventi che non renderanno ovviamente possibile a tutti loro il recuperare un costume carnevalesco ed è per questo che abbiamo pensato di chiedere aiuto ai muggesani».
In questi giorni il tam tam è infatti corso tra i banchi di scuola e le varie associazioni del territorio: chiunque avesse un costume per ragazzi di età compresa tra 11 ai 13 anni e volesse regalarlo o fosse disposto a prestarlo può consegnarlo al primo piano del Municipio, apponendo qualche dettaglio che lo renda distinguibile (per informazioni: 040-3360106).
Diversi costumi sono giá arrivati, ma si spera che la collaborazione sia tale da poterne avere uno per ciascun ragazzo.
E in tal senso non è mancata neppure la disponibilità dei Persemprefioi che sabato, dopo lo spettacolo in piazza, si sono offerti anche di truccare i ragazzi con colorati e allegri make-up carnevaleschi durante la festicciola di benvenuto.

Appuntamento alle 17 presso il ricreatorio “Penso”, quindi, dove si cercherà di accoglierli facendo sentire loro il calore della comunità. «Chiaro che, in tal senso, non ci sarebbe comitato d'accoglienza migliore di quello composto da loro coetanei» ha fatto notare l’assessore Gandini». «Quest’esperienza avrebbe un valore aggiunto se questa breve vacanza potesse regalare loro anche delle amicizie, non solo volte a trascorrere delle ore in allegria nelle giornate muggesane, ma anche a crescere sulla base di valori importanti come quelli che ci vedranno insieme in questi giorni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

  • Cronaca

    Poliziotti uccisi in Questura, Meran dovrà restare in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento