Cronaca Muggia - San Dorligo

A Muggia sono aumentati i "furbetti" che rubano il posto ai disabili

A renderlo noto è il report annuale della Polizia Locale che evidenzia anche la diminuzione dei feriti negli incidenti stradali (che nel numero rimangono invariati rispetto al 2018) e l'aumento del numero delle telecamere. Decolle: "Muggia è sicura"

Cresce il numero delle ordinanze, quello delle telecamere installate sul territorio, le infrazioni per eccesso di velocità, per le mancate revisioni, per le cinture di sicurezza e, amara ciliegina sulla torta, aumentano le contravvenzioni per sosta su stalli disabili. Sono questi in sintesi i numeri presentati dal Commissario di Muggia Maria Grazia Vergerio questa mattina durante il consueto appuntamento con l'informazione della Polizia Locale muggesana. A rimanere pressoché invariato è invece il numero degli incidenti stradali, mentre la nota positiva arriva dalla diminuzione del numero dei feriti. 

"Muggia gode di un presidio quotidiano che la rende sicura - così Stefano Decolle, assessore alla Polizia Locale - e che non deve cedere all’irrazionale campagna della paura alimentata per puro consenso elettorale, ma continuare a riporre la propria fiducia nelle Forze dell’Ordine, per le quali la collaborazione col cittadino è un valore aggiunto prezioso se non indispensabile"

Nel dettaglio

Le ordinanze sono passate da 75 nel 2017 alle 106 nel 2019 (con relativa istruttoria per controllo richieste, ammissibilità, fattibilità per luogo e tempistica). "In tal senso - fa sapere una nota del Comune rivierasco - lo stesso numero delle manifestazioni è in continua crescita intorno a quelli che sono ormai gli appuntamenti fissi (Carnevale invernale ed estivo, Mujalonga sul mar, Staffetta de muja e Ironman 70.3) con proporzionale integrazione dell’impegno da parte del Corpo muggesano". 

Le telecamere e l'edilizia

Il controllo della quotidianità nel comune istriano attraverso la videosorveglianza ha visto l'incremento del numero delle telecamere. Le del 2010 sono diventate 37 nel 2019 (19 in più solo nell’ultimo biennio) e, come da nota, ce ne sarebbero in previsione "altre quattro". Capitolo a parte, ma pur sempre inserito nel report, è quello relativo all'edilizia. "Spesso si sottovaluta ma anch'essa comporta annualmente oltre ad una cinquantina circa di sopralluoghi, almeno 600 ore annue di lavoro fatto di ricerche al catasto e tavolare, informazioni assunte dagli interessati, stesura di atti, conferimento all’autorità giudiziaria e molto altro; le stesse residenze necessitano poi di più sopralluoghi e sono in media 320 all’anno". 

I permessi e le infrazioni

Trovano spazio poi i passi carrabili (una media di 25 all’anno), i permessi per disabili (circa 80 all’anno), i verbali per infrazioni a normative riguardanti il commercio (circa 20 annui), le autorizzazioni per insegne pubblicitarie (circa 30) e tutte le attività di “normale” routine come, per esempio, i 54 mercati da gestire nella città istroveneta in 364 giorni". 

Negli ultimi 3 anni le media delle infrazioni al Codice della strada si è attestata attorno ai 3000 accertamenti. "Grazie all’utilizzo delle apparecchiature elettroniche in dotazione ed ai vari collegamenti alle banche dati nazionali ed internazionali - fa sapere il Comune - si è riusciti ad operare con maggior precisione tanto da vedere il dato degli eccessi di velocità passare da una media di 50 degli anni precedenti, ai 397 del 2019. Lo stesso vale per le mancate revisioni: grazie alle strumentazioni a disposizione, si sono potute riscontrare 213 infrazioni nel 2019 contro le 32 del 2017". 

Contravvenzioni e incidenti stradali

Maglia nera invece per la costanza delle contravvenzioni per sosta su stalli disabili. Nel 2019 ne sono state registrate una quarantina. Le cinture di sicurezza sono state inoltre oggetto di costante controllo nell’ultimo anno arrivando (sempre purtroppo) a 176 contravvenzioni. Nota positiva infine per la media degli incidenti stradali che è "rimasta pressoché costante rispetto all’anno precedente (39 nel 2019 contro i 38 del 2018), anche se è andato invece fortunatamente in decrescita il valore dei feriti, passati da 22 a 16". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Muggia sono aumentati i "furbetti" che rubano il posto ai disabili

TriestePrima è in caricamento