Cronaca Muggia - San Dorligo / mandracchio di Muggia

Multa di 1500 euro per mormore e riboni non tracciati, il sequestro donato ai poveri

L'operazione è avvenuta nella giornata di ieri 4 marzo nel mandracchio di Muggia ed è stata condotta dalla Capitaneria di porto di Trieste

Nella giornata di ieri, 4 marzo, il Nucleo pesca della Capitaneria di porto di Trieste ha sanzionato un pescatore sulla cui imbarcazione "di professionisti autorizzati alla vendita diretta" e ormeggiata nel mandracchio di Muggia, sono stati rinvenuti circa otto chilogrammi di pesce e molluschi "privi di informazioni attestanti la tracciabilità del prodotto". La multa comminata è stata pari a 1500 euro. L'ispezione è stata effettuata assieme a "personale ispettivo dell’Azienda Sanitaria universitaria Giuliano-Isontina" nell'attività rivolta "soprattutto al controllo dei punti di sbarco e vendita diretta del pescato nei porti del litorale regionale". 

In beneficenza

Il pescato "è stato pertanto sequestrato e, nella parte ritenuta idonea al consumo umano (mormore e pagelli), devoluta in beneficenza alla mensa dei Frati di Montuzza". Il controllo ha "imposto alcune prescrizioni legate alle modalità di svolgimento della vendita di diretta da parte dell’impresa di pesca", vendita che dovrà essere conferita al mercato ittico di Trieste. L'attività del motopeschereccio continuerà  sino all’adempimento delle prescrizioni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multa di 1500 euro per mormore e riboni non tracciati, il sequestro donato ai poveri

TriestePrima è in caricamento