Fase 2, Muggia: per bar e ristornati gratis 20mq di spazio esterno in più

Per gli operatori per i quali non è possibile concedere o ampliare lo spazio adiacente alla sede della propria attività, verranno messe a disposizione aree comunali di analoga metratura. Sempre per agevolare le realtà cittadine e la fruizione dei loro servizi da parte dei cittadini, a partire dal 1 giugno è stata anche prevista la chiusura al traffico veicolare del Mandracchio

Foto Aiello

Sono state davvero molte le iniziative che l’Amministrazione muggesana ha messo in campo in questo difficile periodo di emergenza sanitaria, dalla soppressione della Cosap agli esercizi commerciali e lo spostamento del pagamento delle diverse imposte locali, allo studio delle agevolazioni TARI e IMU per gli operatori danneggiati dal Coronavirus sino al rimpinguamento delle cifre a disposizione per i buoni spesa. L’impegno non è andato però a perdere vigore con l’avvicinarsi della normalità che la fase 2 ha iniziato lentamente a consentire, anzi. Alla luce delle più recenti disposizioni con le quali è prevista da lunedì 18 maggio la riapertura della quasi totalità delle attività produttive e commerciali, l’Amministrazione muggesana ha deliberato, nell’ultima giunta, l’attuazione di un altro provvedimento a loro sostegno.

“Le disposizioni poste a condizione della riapertura delle attività economiche, sempre al fine di contenere il rischio epidemiologico, pongono diverse prescrizioni agli operatori” ha chiarito il sindaco Laura Marzi. “Alcune di queste prescrizioni incidono in modo anche significativo sulla capacità reddituale di queste attività, riducendo in modo importante la possibilità di un ritorno economico che ne permetta il sostentamento”. È ormai noto, infatti, che, in particolare modo per la ristorazione e i bar, le disposizioni sul distanziamento sociale prevedono una riduzione significativa della capacità di accoglienza sia interna che esterna delle strutture.

Concessione gratuita di 20mq

“Partendo dal presupposto che, in generale, va favorita, proprio per il contenimento del rischio di contagio, la permanenza degli utenti all’esterno delle strutture e che, almeno in questo, la stagione estiva ci agevola, abbiamo valutato quali misure adottare per sostenere ancor più la cittadinanza e le realtà imprenditoriali locali che si trovano a fronteggiare questa situazione di difficoltà economica derivante dal Covid-19” ha spiegato Marzi. “Coerentemente con la soppressione della Cosap per gli esercizi commerciali per l’anno 2020 che abbiamo già adottato, la giunta ha previsto la concessione gratuita aggiuntiva di uno spazio esterno di massimo 20 mq per tutti i ristoranti e bar presenti sul territorio comunale che ne facciano richiesta.” La concessione e l’ampiezza dello spazio sarà subordinato alla verifica, sulla base della specifica collocazione e situazione di ogni esercente, della sostenibilità dell’ampliamento rispetto alle prescrizioni vigenti in tema di viabilità e sicurezza.

“La conformazione della nostra città e del centro storico in particolare rende la gestione degli spazi ancora più complessa. Abbiamo allora previsto, per gli operatori per i quali non è possibile concedere o ampliare lo spazio adiacente alla sede della propria attività, la messa a disposizione di aree comunali di analoga metratura, dando la precedenze nella loro scelta a quei soggetti che ad oggi non dispongono di spazi esterni e in via progressiva a coloro che hanno spazi di più ridotte dimensioni in modo da cercare di garantite più equità possibile” ha aggiunto il sindaco Marzi. Da domani sarà dunque possibile inoltrare la richiesta di ampliamento dei propri spazi esterni al Comune di Muggia. Ma le novità non finiscono qui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiusura al traffico del Mandracchio

Sempre per agevolare le realtà cittadine e la fruizione dei loro servizi da parte dei cittadini, a partire dal 1 giugno è stata anche prevista la chiusura al traffico veicolare del Mandracchio - da via Manzoni e riva de Amicis con direzione Lungomare, lasciando libero il passaggio sulla via Battisti per consentire la fruizione del parcheggio Caliterna e dell’area carico-scarico adiacente a via Dante - con modalità e tempi ancora da definire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento