Nave "Amir Joy" bloccata in porto a Monfalcone dalla Capitaneria

La nave è stata bloccata per gravi irregolarità che regolano il trasporto marittimo e potrà riprendere la navigazione solo dopo aver regolarizzato le mancanze riscontrate.

La Capitaneria ha bloccato in porto la nave "Amir Joy", battente bandiera di Panama, per gravi irregolarità che regolano il trasporto marittimo. La nave potrà riprendere la navigazione solo dopo aver regolarizzato le mancanze riscontrate.

I controlli

La nave, proveninte dal porto di Durazzo (Albania), stava imbarcano 6000 tonnellate di vergella nel porto di Monfalcone. Il personale ha riscontrato carenze relative alla sicurezza della navigazione quali: la preparazione degli equipaggi alla gestione delle emergenze, problematiche di contrattualistica ed arruolamento del personale marittimo, rispetto della certificazione medica dei marittimi, tenuta dei documenti di bordo, il non corretto rispetto degli orari di lavoro e riposo, il mancato rispetto degli standard minimi per gli alloggio degli equipaggi, per il totale di 14 irregolarità di cui 7 delle quali hanno portato a detenere la nave. Tale ispezione rientra nei controlli che vengono effettuati da parte della amministrazione italiana nei confronti delle navi straniere che scalano i porti italiani e sono finalizzati a garantire che queste ultime non siano un pericolo per la vita umana in mare e per l'ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento