Nave "Amir Joy" bloccata in porto a Monfalcone dalla Capitaneria

La nave è stata bloccata per gravi irregolarità che regolano il trasporto marittimo e potrà riprendere la navigazione solo dopo aver regolarizzato le mancanze riscontrate.

La Capitaneria ha bloccato in porto la nave "Amir Joy", battente bandiera di Panama, per gravi irregolarità che regolano il trasporto marittimo. La nave potrà riprendere la navigazione solo dopo aver regolarizzato le mancanze riscontrate.

I controlli

La nave, proveninte dal porto di Durazzo (Albania), stava imbarcano 6000 tonnellate di vergella nel porto di Monfalcone. Il personale ha riscontrato carenze relative alla sicurezza della navigazione quali: la preparazione degli equipaggi alla gestione delle emergenze, problematiche di contrattualistica ed arruolamento del personale marittimo, rispetto della certificazione medica dei marittimi, tenuta dei documenti di bordo, il non corretto rispetto degli orari di lavoro e riposo, il mancato rispetto degli standard minimi per gli alloggio degli equipaggi, per il totale di 14 irregolarità di cui 7 delle quali hanno portato a detenere la nave. Tale ispezione rientra nei controlli che vengono effettuati da parte della amministrazione italiana nei confronti delle navi straniere che scalano i porti italiani e sono finalizzati a garantire che queste ultime non siano un pericolo per la vita umana in mare e per l'ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento