rotate-mobile
Svolta nel caso

Neonata rischia la separazione dalla madre: il Tribunale mette fine all’incubo

La donna è stata giudicata “pulita” dal Sert, e il tribunale dei minori decreta che non sussistono i presupposti per separarla dalla figlia e collocarla in una comunità terapeutica come sarebbe stato comunicato inizialmente

Svolta decisiva nel caso della bambina di tre mesi che rischiava di essere separata dalla madre e collocata in una struttura da sola. Il Tribunale dei Minori di Trieste, con un recente decreto, ha disposto il collocamento di madre e figlia, insieme, in una comunità educativa, non terapeutica come stabilito dal primo decreto. I giudici hanno quindi preso atto dell' "esclusione di un attuale disturbo da uso di sostanze a carico della madre" da parte degli operatori del Sert, che hanno testato la donna per mesi, trovandola sempre negativa alla cocaina e solo saltuariamente positiva ai cannabinoidi.

Come riportato in un precedente articolo, la donna aveva ammesso di aver fatto uso saltuario di cocaina in passato e di aver smesso non appena realizzato di essere in stato interessante. Aveva anche dichiarato di assumere cannabis light (legalmente somministrata nei distributori e negozi dedicati) perché sofferente di dolori cronici, sviluppati dopo un incidente in gioventù.

La madre, prima del parto, aveva informato il Burlo della situazione, ed era quindi partita la segnalazione ai servizi sociali. E' stato quindi disposto un test sulla donna, negativa, e sulla figlia, risultata invece positiva alla cocaina. Tuttavia una consulenza di parte, ordinata dall'avvocato difensore Giovanna Augusta de'Manzano, aveva messo in forte dubbio la validità del test, anche per la negatività riscontrata nella madre alla cocaina al momento del parto; la donna aveva comunque accettato di sottoporsi ai monitoraggi del Sert fino ad oggi.

Il Tribunale dei minori aveva, in un primo momento, disposto il trasferimento di madre e figlia in una comunità terapeutica ma, qualora non fosse stato reperito un posto per entrambe, la bimba avrebbe potuto essere trasferita anche da sola, senza la madre.  La donna ha fatto sapere di essere già stata informata di un imminente separazione dalla figlia, che, a quanto pare, non avverrà. La struttura per tutte e due, infatti, sarebbe già stata individuata e il trasferimento dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. Così dichiara la donna: "Un distacco da mia figlia sarebbe stato il più terribile di tutti i mali che si può infliggere a una madre."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonata rischia la separazione dalla madre: il Tribunale mette fine all’incubo

TriestePrima è in caricamento