Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

"Newsparade", la classifica dell'informazione al festival del buon giornalismo

Nell'ambito di "Link, Premio Luchetta Incontra 2017" si cercherà di dare una risposta articolata a una semplice domanda: cosa vogliono gli italiani dalla stampa?

Presentata il 13 aprile l’indagine “Newsparade” sulle preferenze degli italiani in tema di giornalismo e informazione. Questa “hit parade” delle notizie, prodotta dal Premio Giornalistico internazionale Marco  Luchetta – Link in collaborazione con l’istituto di ricerca Swg, sarà presentata  venerdì 21 aprile, in anteprima a Link, Premio Luchetta Incontra 2017, nell’ambito dell’evento introduttivo del festival, in programma fino a domenica 23 aprile nella Fincantieri Newsroom di Piazza della Borsa a Trieste.
Presenti in conferenza stampa Maurizio Pessato, presidente dell’Swg, Giovanni Marzini, della Giuria Premio Luchetta, e Cristiano Degano, presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Fvg.

Si cercherà di dare risposta articolata ed esaustiva a una semplice domanda: cosa vogliono gli italiani dalla stampa? Come rivela Pessato riassumendo i dati raccolti nei sondaggi, la politica italiana è in testa alle preferenze dei lettori. In un mondo crivellato dagli attentati e in presenza di stravolgimenti quali la Brexit e la presidenza di Donald Trump, la politica estera è agli ultimi posti e si tende a guardare ciò che accade all’interno dei confini del paese.

Al secondo posto troviamo tutto ciò che riguarda i temi ambiente-salute-benessere, un trend in vertiginosa crescita soprattutto negli ultimi anni, addirittura al primo posto tra gli argomenti giudicati come “trascurati” dalla stampa. Seguono la cronaca, i grandi problemi socioeconomici come povertà e immigrazione, le arti intese come spettacolo e cultura del nostro tempo e gli stili di vita, soprattutto ciò che concerne l’alimentazione. In fondo alla lista, invece, troviamo economia, finanza e globalizzazione.

L’impegno del Premio Luchetta in collaborazione con Link in quanto festival del buon giornalismo, è appunto quello di delineare i tratti di un’informazione di qualità, che secondo i dati di Swg sono riassumibili in cinque caratteristiche. Il campione interpellato ha individuato, quasi a pari merito, cinque punti essenziali per un buon servizio giornalistico: l’immediatezza dell’informazione sulle notizie, gli approfondimenti successivi al lancio, un ampio dattaglio analitico a corredo della notizia, la restituzione del quadro complessivo in cui si inserisce il fatto e la presentazione puntuale delle posizioni inerenti. Ben poca importanza viene invece data all’interpretazione del giornalista, considerata quasi fuorviante ai fini di una buona comprensione della realtà.

Per quanto riguarda i differenti mezzi d’informazione, per un buon approfondimento i giornali cartacei vengono considerati i più efficaci, seguiti dai telegiornali e dai quotidiani online. Un dato in apparente contraddizione con altre ricerche: quelle relative al mercato. Come ha infatti dichiarato il presidente Degano, nel biennio 2014-2015 le vendite dei giornali cartacei sono crollate del 34%, e le vendite sono in picchiata tuttora. La sezione online delle testate, rivela ancora Degano, non compensa questo calo, anche perché la rete è soggetta a incontrollabili distorsioni: una fra tutte la pubblicità online, dei cui introiti non beneficiano tanto le testate quanto i motori di ricerca, dove l’utente va a reperire la notizia.

Un dato ambiguo, ma che secondo Pessato permette un moderato ottimismo, è quello riguardante la credibilità dell’informazione in Italia: il 52% degli intervistati dichiarano di avere “abbastanza”  fiducia negli organi di stampa, il 40% “poca”. La restante quota, l’8%, è equamente diviso tra chi non si fida affatto e chi si affida completamente ai mezzi d’informazione.

L’indagine sarà illustrata dettagliatamente nell’incontro di prolusione a Link 2017, venerdi’ 21 aprile alle 15. Ne converseranno il direttore della RaiTGR Vincenzo Morgante, il direttore del Giornale Radio Rai e Radiouno, Andrea Montanari, il direttore del quotidiano Il Piccolo Enzo D’Antona e il presidente Swg Maurizio Pessato, coordinati dal responsabile della redazione ANSA del Friuli Venezia Giulia, Alfonso Di Leva. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Newsparade", la classifica dell'informazione al festival del buon giornalismo

TriestePrima è in caricamento