Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Interporto Trieste, Nicoli (Fi): "Quattro milioni dalla Regione ma nulla dallo Stato"

Il capogruppo di Forza Italia: “Il primo soggetto gestore a dover investire dovrebbe essere l’Authority, dalla quale non vedo altrettanto impegno nei confronti del Fvg”

“Bene l’emendamento da 4 milioni di euro inteso a potenziare il sistema di logistica e trasporti di Trieste, ma attenzione: non sia sempre la Regione ad andare incontro allo Stato, ovvero all’Autorità di sistema portuale e a Rfi, che poco o nulla stanno mettendo sul piatto per il Fvg”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia, Giuseppe Nicoli, intervenuto nella I commissione integrata, nel corso dell’esame del ddl 141 (assestamento di bilancio 2021-2023).

“La Regione – spiega Nicoli – concederà un contributo straordinario da 4 milioni di euro a Interporto Trieste spa, per interventi di elettrificazione, ammodernamento e messa in funzione di raccordi ferroviari nell’ambito del comprensorio interportuale di Fernetti e di Bagnoli della Rosandra: tutto bene, ma va rilevato come il primo soggetto gestore a dover investire dovrebbe essere l’Authority, dalla quale non vedo altrettanto impegno nei confronti del Fvg”.

“La Regione – continua - non può stare a guardare orientare le sue infrastrutture per fare del Fvg un enorme piazzale merci, ma ha il dovere di sviluppare quelle che potenziano le aree industriali e artigianali ai fini della trasformazione delle merci che provengono da vettori navali o ferroviari. Lo Stato ha le risorse per intervenire direttamente sulle ferrovie, ma non c’è alcun passo avanti. Di più, sul progetto dell’alta velocità, pesa il tunnel da Bivio di Aurisina a Trieste Airport, progetto impattante, devastante e oneroso soltanto per guadagnare 6 minuti: non pare che la Regione abbia posto un’attenzione particolare affinché quest’operazione inutile non venga portata avanti”.

“Era opportuno – aggiunge il capogruppo forzista - prevedere simili cifre importanti anche a favore di opere che superino i passaggi a livello e i colli di bottiglia ferroviari, problemi che ancora oggi dobbiamo gestire senza che Rfi faccia passi avanti. Così come siamo ancora fermi con l’escavo del canale d’accesso al porto di Monfalcone”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interporto Trieste, Nicoli (Fi): "Quattro milioni dalla Regione ma nulla dallo Stato"

TriestePrima è in caricamento