menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non si ferma all'alt e parte l'inseguimento a Basovizza: passeur arrestato dopo lo schianto in auto

Due arresti nel corso dei controlli rafforzati (con il supporto dell'Esercito) da parte della Polizia

Lanciato a tutta velocità alla guida di un’autovettura con targa italiana, non si ferma all’alt della polizia e finisce per schiantarsi contro una casa. L’uomo, un passeur kosovaro di 29 anni, A.Z., domiciliato a Trieste, anche se ferito, ha poi abbandonato il veicolo e tentato la fuga, ma è stato bloccato e arrestato.

Il fatto è successo sabato scorso, nelle prime ore del mattino a Basovizza, nell’ambito delle attività di controllo, attualmente rafforzate in vista del G7, svolte dagli agenti del Settore Polizia di Frontiera, in concorso con il personale militare del 2^ Reggimento “Piemonte Cavalleria” di Trieste. Alla cattura del cittadino kosovaro ha partecipato anche una pattuglia della Polizia Stradale, che si è messa subito all’inseguimento del conducente kosovaro. Quest’ultimo, entrato dalla Slovenia insieme a quattro connazionali irregolari, era incappato in un posto di controllo della Polizia di Frontiera e, vistosi intimare l’alt, aveva in un primo momento rallentato, per poi accelerare e allontanarsi.

A.Z. dovrà rispondere, oltre che del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, anche dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e di lesioni personali stradali gravi.

Sempre a Basovizza nel fine settimana è stata arrestata dagli agenti della Polizia di Frontiera una cittadina romena di 18 anni, che era evasa dagli arresti domiciliari nel Sud Italia. La ragazza, ritenuta responsabile di reati contro il patrimonio, è stata identificata a bordo di un’autovettura con targa romena durante un controllo in località Basovizza. La giovane si trova ora nel carcere di via del Coroneo.

Come noto dallo scorso 10 maggio, in occasione del Vertice G7 di Taormina (26-27 maggio 2017), lungo tutta la fascia confinaria della Provincia di Trieste, sono state predisposte rafforzate attività di controllo, effettuate in sinergia con le diverse articolazioni della Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza e l’Esercito Italiano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento