Spaccio, violenza domestica, aggressione a pubblico ufficiale: nove arresti nel mese di aprile

Continua l'attività di prevenzione e repressione dei reati cosidetti predatori che ha visto i reparti della Compagnia di via Hermet impegnati senza sosta nel loro contrasto, sia perseguiti nella flagranza che in esecuzione di ordinanze emesse dall’Autorità Giudiziaria.

Nel mese di aprile i Carabinieri non sono stati solo occupati nei controlli anti contagio legati all'emergenza da Covid-19, ma hanno anche continuato l'attività di prevenzione e repressione dei reati cosidetti predatori che ha visto i reparti della Compagnia di via Hermet impegnati senza sosta nel loro contrasto, sia perseguiti nella flagranza che in esecuzione di ordinanze emesse dall’Autorità Giudiziaria. In particolare:

nella serata di giovedì 9 aprile, i carabinieri della Sezione Radiomobile hanno arrestato, in flagranza di reato, C.L. 41enne triestino pregiudicato. Quest’ultimo ospite di una struttura sanitaria della città, ha aggredito uno degli operatori sferrandogli un pugno e rompendogli il setto nasale. A conclusione degli adempimenti di legge l’uomo è stato condotto agli arresti domiciliari su ordine dell’Autorità Giudiziaria dovendo rispondere del reato di lesioni aggravate. Nei giorni seguenti il medesimo soggetto si è reso responsabile di due distinte evasioni, prontamente accertate dai militari della Sezione Radiomobile che hanno proceduto ad arrestarlo in flagranza in entrambe le occasioni. Stante dunque la sua palese inaffidabilità per il rispetto delle prescrizioni proprie del regime degli arresti domiciliari, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trieste ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, motivo per il quale è stato condotto al Coroneo;

nella serata di martedì 14 aprile, i carabinieri della Sezione Operativa hanno arrestato in flagranza di reato e denunciato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, rispettivamente B.C un 26enne e C.G. 29enne, entrambi triestini, pregiudicati. Gli stessi a seguito di perquisizione sono stati trovati in possesso di cocaina ed eroina in quantità superiori rispetto a quanto consentito per l’uso personale, oltre che di un bilancino di precisione e vario materiale per il taglio e confezionamento dello stupefacente. L’uomo in stato di arresto è stato condotto ai domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria;

nel pomeriggio di lunedì 20 aprile i militari della Stazione di Via Hermet hanno arrestato, in flagranza dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, nonché di danneggiamento aggravato, B.N., pluripregiudicato 37enne triestino che, in evidente stato di ebbrezza alcolica ha aggredito verbalmente e fisicamente i Carabinieri che stavano verificando e identificando i soggetti assembrati in via San Francesco in violazione della normativa COVID-19. All’atto del controllo l’uomo si è avventato contro l’autovettura dei carabinieri della Sezione Radiomobile sferrando con calci e pugni, procurando ingenti danni al mezzo. A conclusione delle incombenze di rito B.N. è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, misura restrittiva confermata dal GIP che, il giorno seguente, emetteva un’ordinanza di custodia cautelare;

nella tarda serata di martedì 21 aprile i Carabinieri della Sezione Operativa hanno arrestato in flagranza del reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti F.A., 18enne modenese, domiciliato a Trieste e N.S. 19enne, comasca ma residente a Trieste. L’uomo è stato trovato in possesso di 7 grammi di marijauana suddivisa in dosi pronte alla vendita oltre che di denaro contante ritenuto provento dell’attività di spaccio, mentre la seconda, all’esito della perquisizione domiciliare, è stata trovata in possesso di 80 grammi circa della medesima sostanza, di un bilancino di precisione e di denaro contante ritenuto provento dell’attività di spaccio. Entrambi, su disposizione del Pubblico Ministero sono stati condotti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni;

nella corso della mattinata di venerdì 24 aprile i carabinieri della Sezione Operativa hanno tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, B.M., un 29enne triestino. Lo stesso a seguito di perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 100 grammi circa di marijuana, oltre che di un bilancino di precisione e vario materiale da taglio e confezionamento. L’uomo in stato di arresto è stato condotto ai domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria;

nella notte del 25 aprile i militari della Stazione Carabinieri di Borgo San Sergio sono intervenuti presso un’abitazione per dissidi familiari, traendo in arresto in flagranza di reato M.C., 49 enne rumeno, resosi responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia, violenza privata e minacce aggravate nei confronti della coniuge. Immediati accertamenti hanno permesso agli uomini dell’Arma di ricostruire un quadro di pregresse vessazioni e violenze subite dalla donna per mano del marito, motivo per il quale l’uomo è stato condotto al Coroneo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria;

nella serata di lunedì 27 aprile, i carabinieri della Sezione Operativa hanno arrestato, nella flagranza del reato di evasione, D.G., pluripregiudicato 34enne triestino, sottoposto al regime della detenzione domiciliare per la commissione, negli anni, di reati di varia natura. Lo stesso è stato colto fuori dalla propria abitazione in assenza di autorizzazione del Tribunale di Sorveglianza. Analogamente, qualche giorno prima, in due distinte circostanze, l’uomo era stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Borgo San Sergio e condotto nuovamente ai domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria;

nella corso della serata di martedì 28 aprile i Carabinieri della Sezione Operativa hanno arrestato, in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, G.L. 28enne colombiano. Lo stesso a seguito di perquisizione personale e domiciliare è stato trovato in possesso di circa 15 grammi di marijuana suddivisa in dosi pronte per la vendita. L’uomo è stato quindi condotto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Arma è quotidianamente impegnata sul territorio con l’obiettivo di contribuire ad innalzare la percezione di sicurezza da parte della collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento