menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fuochi d'artificio, Novelli (FI):«Spero in un Capodanno senza botti»

Approvato dalla Giunta l'ordine del giorno presentato dal consigliere regionale di Forza Italia Roberto Novelli nel quale menziona la richiesta di porre il divieto da parte dei sindaci allo scoppio di petardi e fuochi d'artificio la sera di Capodanno: «Auspico che l'Amministrazione si attivi quanto prima»

«?Sensibilizzare i sindaci dei Comuni del FVG affinché adottino ordinanze che, specialmente durante il periodo di Natale e Capodanno, vietino l'accensione e i lanci di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici, così da evitare pericoli e danni per le persone e tutelare il benessere degli animali». È questo il contenuto di un ordine del giorno presentato dal consigliere regionale di Forza Italia Roberto Novelli e approvato nell'ambito della legge di stabilità regionale 2016.

«L'accensione e il lancio di fuochi d'artificio, petardi, lo scoppio di bombette e mortaretti e il lancio di razzi - rileva Novelli - sono causa di disagio e oggetto di lamentele da parte di molti cittadini, sia per il loro uso spesso incontrollato, sia perché non vengono adottate neanche le minime precauzioni atte a evitare pericoli e danni, diretti e indiretti, all'integrità fisica delle persone, degli animali e dell'ambiente». «Esiste infatti un oggettivo pericolo derivante anche da quei prodotti per i quali è ammessa la vendita al pubblico, visto che si tratta pur sempre di materiale esplosivo, in grado di provocare danni fisici a chi li maneggia ed anche a chi ne venisse fortuitamente colpito».

«Chi soffre di più per il rumore dei fuochi d'artificio - prosegue l'esponente di Forza Italia - sono gli animali, che hanno l'udito molto più sviluppato del nostro: i botti fatti scoppiare in prossimità di un cane o di un altro animale domestico producono danni gravi che vanno dallo spavento, alle lesioni dell'udito, fino a provocare la follia, o addirittura la morte». «Oltre ai rischi legati alla sicurezza e alla quiete dei cittadini, i botti possono provocare un pericoloso aumento delle polveri sottili che, in una stagione dove non piove da tempo e le soglie dell'inquinamento sono già altissime, possono anche creare problemi respiratori a bambini, anziani e asmatici».

«Un modo per fermare tutto questo c'è: il sindaco, infatti - afferma ancora Novelli - ha la facoltà, con una sua ordinanza, di vietare sul territorio comunale l'accensione e i lanci di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici, e sono già molti i primi cittadini che le hanno adottate». «Visto che la Giunta regionale che approvato l'ordine del giorno che ho presentato nell'ambito della legge di stabilità 2016 - conclude Novelli - auspico che l'Amministrazione si attivi quanto prima in questo senso e che questo sia finalmente un Capodanno senza botti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento