Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Numero unico emergenze, Ugl Polizia: «Si dovrà indicare due volte il proprio problema, perdendo tempo prezioso»

Critico il segretario provinciale Alessio Edoardo: «Speriamo che qui non accadano problematiche come nelle provincie sperimentali dove sono emerse molte criticità»

L'Ugl Polizia di Stato per voce del segretario generale provinciale di Trieste Alessio Edoardo «esprime tutta la sua preoccupazione per l'avvio del numero unico NUE in vigore da aprile anche a Trieste: il numero unico è una buona idea ma formulata sul campo in maniera troppo complessa; non si tratta, come negli Stati Uniti, di un numero di immediato soccorso, ma di una stazione di dirottamento delle telefonate agli organi di emergenza preposti: questo senza dubbio porterà, com'è successo nelle altre città sperimentali, a perdite di tempo che per una vita potrebbero significare molto».

«Infatti - spiega Alessio Edoardo - si dovrà indicare due volte il proprio problema, una al 112 e poi la telefonata verrà dirottata all'organi preposto creando un doppione- Non siamo a priori negativi sulla proposta, ma propositivi su una modifica più utile e immediata delle comunicazioni delle emergenze in modo da non perdere tempo prezioso per salvare più vite possibile».

«Una riflessione va fatta anche sugli operatori telefonici per i quali non credo che un semplice corso possa attribuirgli l'esperienza necessaria nel campo della sicurezza - conclude il segretario provinciale Ugl Polizia di Stato -. Speriamo che qui non accadano problematiche come nelle provincie sperimentali dove sono emerse molte criticità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Numero unico emergenze, Ugl Polizia: «Si dovrà indicare due volte il proprio problema, perdendo tempo prezioso»

TriestePrima è in caricamento