Domenica, 21 Luglio 2024
La legge regionale sull'immigrazione / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Via dell'Orologio

Migranti: “stretta” della Regione su minori non accompagnati e integralismo

Oltre 20 milioni previsti dalla legge regionale sull'immigrazione nel triennio 2023 - 2025. Previsti investimenti in favore dei comuni per controlli sui minori non accompagnati, sui ricongiungimenti familiar e gli adempimenti amministrativi, oltre al contrasto agli integralismi religiosi, all'emarginazione della donna e alle baby gang nelle comunità straniere. Previsti anche sostegni alla formazione e allo studio della lingua italiana

TRIESTE - Investimenti in favore dei comuni per controlli sui minori non accompagnati e sui ricongiungimenti familiari, contrasto agli integralismi religiosi, all'emarginazione della donna e alle baby gang nelle comunità straniere ma anche progetti per integrazione, formazione e studio della lingua italiana. Questo e altro nei primi cinque regolamenti attuativi (iniziative per un’efficace gestione del fenomeno migratorio) della nuova legge regionale sull’immigrazione, approvata alla fine della scorsa legislatura. Seguiranno altri quattro punti attuativi, già in preparazione. I contenuti sono stati presentati oggi in Regione dal presidente del Fvg Massimiliano Fedriga e dall’assessore alla Sicurezza Pierpaolo Roberti.

Sugli oltre 20 milioni previsti dalla legge nel triennio 2023 - 2025, la parte del leone la fanno i 14 milioni dedicati al tema dei minori stranieri non accompagnati, che prevedono il sostegno ai comuni affidatari, contributo per interventi formativi, il contrasto al fenomeno della tratta dei minori stranieri e il monitoraggio dei flussi. L’idea è quella di “sostenere le attività dei comuni che hanno in carico questi minori e contribuire alle spese di mantenimento, oltre al contrasto del fenomeno delle baby gang”, dichiara Roberti, “che si è verificato anche a Trieste, in particolare in zona piazza Goldoni, ma non solo. Siamo intervenuti già con altri regolamenti, come sulle strutture che ospitano i minori non accompagnati” con i quali vengono stabiliti “nuovi criteri strutturali ma anche di professionalità presenti nei centri stessi, perché riteniamo inconcepibile che, come vediamo in certi fatti di cronaca, basti l’intervento delle forze ordine in questi centri per trovare denaro in eccesso e stupefacenti”. Gli interventi dei Comuni per contrastare il fenomeno della baby gang, in particolare, saranno finanziati fino a 100mila euro per ogni intervento. Saranno inoltre finanziati comuni ed enti del terzo settore che vorranno produrre progetti per contrastare l’emarginazione della donna e fondamentalismi religiosi all’interno delle comunità straniere, e contributi per i controlli amministrativi in capo a comuni e polizia locale sull’adempimento delle pratiche e sui ricongiungimenti familiari che, secondo Roberti, sono “sproporzionati rispetto al numero di lavoratori sul territorio”. Riguardo al fondamentalismo religioso, dichiara l’assessore, “non si tratta solo di terrorismo ma anche il fatto di constringere la donna a usare il burqa può nascondere fenomeni di fondamentalismo che devono essere combattuti non con divieti ma con un approccio culturale, per un altro atteggiamento nei confronti delle donne”. Saranno inoltre finanziati progetti di rigenerazione urbana in aree a rischio degrado e interventi di cura e pulizia dei territori interessati al passaggio dei migranti lungo il confine. Il presidente Fedriga ha dichiarato poi che i regolamenti hanno come obbiettivo “aiutare e garantire l’integrazione” ma anche una “linea dura contro l’illegalità”. “Vogliamo superare delle demagogie che indirizzano verso l’accoglienza a prescindere, indipendentemente dai comportamenti” ha poi precisato Fedriga, “ma vogliamo anche offrire un percorso di opportunità e legalità”.

Articolo: Immigrazione, Fedriga da Pontida: "L'Europa batta un colpo, difenda le sue frontiere"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti: “stretta” della Regione su minori non accompagnati e integralismo
TriestePrima è in caricamento