Anche Borgo San Sergio ha finalmente un murales (FOTO)

Inaugurato il nuovo murales realizzato Borgo San Sergio da Edilmaster. L'opera segue agli altri importanti murales frutto del lavoro di decorazione della città e della periferia che l'Assessore alla Cultura Giorgio Rossi ha fortemente voluto.

“Con il vostro entusiasmo ci avete dato coraggio, e voglia di andare avanti, poiché è il coraggio che ci sostiene e ci spinge ad andare oltre i limiti, oltre tutte le difficoltà e gli egoismi. Voi siete artisti innanzitutto nel vostro cuore, perchè è nel cuore che nascono sia l'arte e il desiderio di bellezza, sia il coraggio. E tutta la vita, cari ragazzi, è un percorso di coraggio e ciò vale anche per questa nostra Città, che di voi, della vostra determinazione e di tanto coraggio ha bisogno per un futuro ancora migliore”. Con queste alte parole l'Assessore comunale alla Cultura, Sport e Giovani Giorgio Rossi si è rivolto oggi pomeriggio ai giovani autori del murales che da adesso decora il muro di contenimento e delimitazione del campo pubblico di pallacanestro di Borgo San Sergio (sul lato dell'ingresso, da via Eugenio Curiel) e che è il frutto di uno specifico progetto  formativo, “Attiva Giovani - Street Art per riqualificare la città pubblica”, co-finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il POR FSE 2014/2020 e dalla Regione Friuli Venezia Giulia-Direzione centrale Lavoro, Formazione, Istruzione e Famiglia.

La realizzazione a cura di Edilmaster

Un progetto “pensato” e sorto per i cosiddetti “NEET” (Not engaged in education, employment or training), ovvero per ragazzi e ragazze tra i 18 e i 30 anni, residenti o domiciliati nel nostro caso in Friuli Venezia Giulia, che negli ultimi 12 mesi, per diversi motivi e problematicità personali o essendo comunque in difficoltà, non hanno potuto lavorare nè partecipare a corsi di formazione con rilascio di titolo di studio. Ne è derivato un percorso, realizzato dalla Edilmaster, in partenariato con l’UTI Giuliana e la Cooperativa Sociale Duemilauno Agenzia Sociale e con la collaborazione del PAG – Progetto Area Giovani del Comune di Trieste, che si è concretamente tradotto in un corso avviato dalla stessa Edilmaster che ha visto la partecipazione attiva di 7 giovani per complessive 200 ore tra attività in aula e laboratori esperienziali sul campo attraverso cui apprendere e mettere subito in pratica le principali tecniche e metodologie volte a riqualificare la “città pubblica” con il linguaggio della cosiddetta street art (arte di strada)

Il  lavoro di Mattia Campo Dall'Orto e molti altri

Laboratori svolti da docenti del calibro di Mattia Campo Dall’Orto (referente dell'associazione Macross cui è affidata la direzione artistica dell'intero progetto “Chromopolis - la Città del futuro”), Giovanni Battista Piovesana (anche lui dell’Associazione Macross) e Claudio “Daker” Paolini, cui si sono affiancate lezioni di sicurezza e salute sul luogo di lavoro, autoimprenditorialità e tecniche di ricerca attiva del lavoro, con una mirata e puntuale azione di orientamento della quale sono stati protagonisti gli operatori della Cooperativa Sociale Duemilauno Agenzia Sociale dando modo ai giovani partecipanti di venire a conoscenza dell'ampia serie di opportunità di formazione e di inserimento lavorativo proposte dal locale Centro per l’Impiego.

Il progetto "Attiva Giovani"

“Un percorso che dunque, nel suo insieme, è stato tanto tecnicamente formativo quanto motivazionale” - ha spiegato Walter Lorenzi direttore dell’Edilmaster – Scuola Edile di Trieste -  “focalizzato nel fornire ai futuri artisti una serie di strumenti utili prima di tutto per ricominciare a credere maggiormente nelle proprie possibilità e potenzialità, portandoli quindi a realizzare concretamente un intervento “fisico” nello spazio pubblico che li ha obbligati a mettersi nei fatti in discussione, in gioco”. “Un progetto, questo dell’”Attiva Giovani”, che ha visto la sperimentazione di una formula collaborativa vincente”, ha osservato dal canto suo Telga Moratto, della Cooperativa Sociale Duemilauno Agenzia Sociale, “dove pubblico, terzo settore e mondo della formazione hanno lavorato congiuntamente per fornire una risposta concreta a una nicchia di popolazione di per sé restia a partecipare attivamente ad attività comunitarie volte alla crescita personale e professionale e alla costruzione di reti e rapporti sociali, che sono fondamentali invece per passare dallo stato di “NEET” a quello di protagonisti del proprio futuro”.

La Regione

Per la Regione è intervenuta la funzionaria dell'Area Istruzione, Formazione e Ricerca Maria Grazia Pellegrini che, portando il saluto dell'Assessore Alessia Rosolen, ha sottolineato la validità di “un progetto che è in grado di stimolare ogni giovane partecipante a scoprire e a esprimere i propri talenti, superando limiti, timori e difficoltà”. Materialmente, l’intervento artistico è partito con la previa ripulitura del muro dalle scritte vandaliche per poi proseguire con la realizzazione di due “pezzi” ispirati da una serie di avvenimenti reali e dalle collegate immancabili “leggende metropolitane” che hanno visto protagonista il territorio di Borgo San Sergio. Così, il topo e il cinghiale (o meglio “El sorzo e el cinghial”, come sono stati opportunamente declinati, in perfetto triestino) e la volpe e il gabbiano (ovvero “La volpe e el cocal”) sono “passati” dalle pagine della cronaca cittadina ai muri del campo di pallacanestro di Borgo, attraversando i racconti dei residenti, e dando infine un'identità visiva a un luogo che prima era invece costellato da una mera sovrapposizione confusa di segni su uno sfondo grigio-cemento.

“Non possiamo che sostenere il valore di un continuo dialogo tra arte, giovani e sport come chiave per continuare a riproporre speranza e investire nel futuro”, ha concluso l'Assessore Giorgio Rossi, “con tutta la nostra attenzione rivolta a favorire l'esperienza diretta dei ragazzi, sostenuta da figure adulte competenti e accoglienti: tutti aspetti che questo progetto ha valorizzato al massimo”.

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Ciclista colpito da un fulmine a Basovizza, è gravissimo

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Inseguimento della Polizia slovena, arresto in pieno giorno sullo svincolo di via Svevo

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

Torna su
TriestePrima è in caricamento