Cronaca Via del Teatro Romano

Il nuovo Questore Maiorano: «Trieste isola felice da preservare»

Conferenza di presentazione di Antonio Maiorano, trasferito da Lecce a Trieste: «L'immobilismo non fa bene, non fa parte del mio carattere». Il suo motto: «Servi della legge, schiavi della nostra umanità»

Si è presentato ieri pomeriggio alla stampa il nuovo Questore di Trieste Antonio Maiorano: «Sono in Friuli Venezia Giulia per la seconda volta nella mia carriera (riferendosi a quando era in carica a Pordenone, ndr) e sono stato molto soddisfatto quando il Capo della Polizia mi ha detto che dovevo venire a Trieste».

«Conosco la Regione, fatta di gente laboriosa e onesta. Io vengo da terre e settori ben più complicati (dal 30 dicembre 2013 è stato Questore di Lecce, in precedenza invece è stato direttore del Servizio III Operazioni Antidroga della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, ndr). Qui siamo un'isola felice, ma bisogna sempre stare all'erta per conservare il benessere sociale di cui godiamo».

Antonio Maiorano-2Ovviamente, essendo arrivato solo da poche ore in città, Maiorano non è sceso in particolari in merito a quelle che saranno le sue direttive, ma ha sottolineato la sua vena propositiva: «L'immobilismo non fa bene, non fa parte del mio carattere. Non sono neanche un rivoluzionario: va fatto il possibile (facendo i conti con le proprie disponibilità) per dare attenzione alle persone, la Polizia indaga e arresta, ma sta anche vicino ai cittadini».

Il nuovo Questore si è poi descritto come un «capitano di una squadra in cui i fuoriclasse si mettono al servizio del team» e si è dichiarato ancora «innamorato della Polizia,... se no non avrei girato tutta l'Italia (due volte in Puglia e due in Friuli Venezia Giulia, ndr)». Insomma un «Questore dal volto umano», come l'hanno descritto a Lecce dove, il giorno del suo insediamento, aveva pronunciato quello che può essere definito il  suo motto, «Servi della legge, schiavi della nostra umanità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo Questore Maiorano: «Trieste isola felice da preservare»
TriestePrima è in caricamento