Cronaca Via Niccolò Machiavelli

Dalle Dolomiti a Trieste arrivano gli occhiali Farben: l'artigianato di una volta per uno stile all'avanguardia

Due giovani e intraprendenti triestini incontrano l'ultimo erede di una storica famiglia del Cadore, un artigiano che fabbrica pezzi unici a mano, che richiedono un processo produttivo di oltre due mesi. Nasce così un marchio dal design innovativo, con materiali naturali e figlio di una grande tradizione. Sabato 10 luglio l'inaugurazione dello showroom a Trieste

Radici, famiglia, natura, lentezza, ma soprattutto qualità e passione. Parole a rischio di estinzione nell’economia contemporanea, ma che qualcuno decide ancora di inseguire e cercare, letteralmente, in cima alle montagne, dove il tempo sembra essersi fermato. È la storia dei due giovani triestini Francesco Peditto e Caterina Verzier, che dopo l’incontro con il cadorino Simone Frescura hanno dato vita al marchio Farben: occhiali realizzati interamente a mano, uno diverso dall’altro, che richiedono un processo di produzione lungo 10 settimane. Un’attività ormai longeva che, il prossimo sabato 10 luglio, coronerà il suo successo aprendo uno showroom a Trieste, in via Machiavelli 20B, alle ore 17.

Ma raccontiamo la storia dal principio: Francesco Peditto, figlio d’arte cresciuto in una storica bottega di famiglia a Trieste (l’Ottica Peditto di via Madonnina, fondata negli anni 70), dopo l’università prende una decisione: “in quel processo per cui il frutto non cade mai lontano dall’albero, ho iniziato insieme a Caterina, amica di una vita e compagna di università, a stilare un progetto di massima per una futura attività in questo campo, con l’idea di creare qualcosa di nuovo ma al tempo stesso legato alle tradizioni. Per quattro anni siamo rimasti a vivere in Cadore, la terra dell’occhiale Made in Italy, con l’obbiettivo di studiare a fondo quest’arte. Proprio qui, ormai 10 anni fa, abbiamo incontrato Simone Frescura. La sua famiglia, si può dire, ha “inventato” gli occhiali a fine ottocento, è un nome storico per la zona. A 45 anni, quando i suoi genitori hanno deciso di concludere il percorso lavorativo, Simone ha deciso di continuare rinnovandosi, portando però con sé tutti i valori che lo hanno definito e che la sua famiglia ha portato avanti per generazioni. E dal primo momento abbiamo creduto in lui”.

Il nome stesso, Farben, (“fare bene”, sia in veneto che in triestino) richiama alla mente la cura e la dedizione di un artigianato che siamo abituati a considerare d’altri tempi. Un classico esempio di ‘filiera corta’, con pochi passaggi produttivi e intermediazioni commerciali, in cui produttore e consumatore entrano spesso in contatto diretto. Un contatto che è sempre più raro nell’attuale sistema economico, spesso impersonale e caratterizzato da serialità, omologazione e delocalizzazione. Questi occhiali, da sole e da vista, vengono invece realizzati con un lungo e laborioso processo che porta alla realizzazione di un design fresco e innovativo. Un processo produttivo ben radicato nella tradizione, quindi, ma senza perdere di vista l’evoluzione dei tempi.

“La natura delle Dolomiti ci ‘regala’ i materiali per fare i nostri occhiali artigianali – dichiarano Francesco, Caterina e Simone -. Ogni modello Farben ha una storia da raccontare, a volte anche più di una. Parla dell’artigiano che l’ha disegnato, che ne ha scelto forma e materiali; racconta delle sue mani, dei suoi gesti e dell’antica arte manifatturiera Cadorina. La qualità dei nostri occhiali passa attraverso la scelta dei più pregiati acetati italiani e l’utilizzo della migliore componentistica, per garantire prodotti di altissima qualità”. 

Sito:
https://www.farben1962.com/

Instagram:
https://www.instagram.com/farben_occhialeria/

Facebook:
https://www.facebook.com/farbenocchialeria/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle Dolomiti a Trieste arrivano gli occhiali Farben: l'artigianato di una volta per uno stile all'avanguardia

TriestePrima è in caricamento