menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assessore Omero su Stock: "Condivisibile la Sensazione Provata da Cosolini. Non siamo al Capezzale di un Malato Grave ma al suo Funerale"

Nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 19 aprile, l’assessore allo Sviluppo Economico Fabio Omero ha relazionato sull’incontro tra Istituzioni, sindacati e amministratori della Stock  tenutosi  in Prefettura il giorno precedente.“È emerso...

Nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 19 aprile, l'assessore allo Sviluppo Economico Fabio Omero ha relazionato sull'incontro tra Istituzioni, sindacati e amministratori della Stock tenutosi in Prefettura il giorno precedente.
"È emerso - sostiene Omero - come dal 2008 i lavoratori siano stati impegnati in corsi di riqualificazione per rispondere alle nuove strategie del piano industriale di allora. Come la stessa Stock nel 2011 avesse richiamato otto lavoratori dalla cassa integrazione.
E del resto i sindacati hanno sottolineato proprio l'assenza di segnali da parte dell'azienda, che preannunciassero l'attuale crisi.
A rischio sono 28 lavoratori della Stock, il più anziano dei quali ha 45 anni, e 30/40 lavoratori dell'indotto di imprese, che forniscono servizi alla azienda".

"La Stock - afferma ancora l'assessore - per bocca dell'amministratore delegato Riva, ha comunicato però che la decisione non è più differibile, se l'azienda vuole restare sul mercato.
I motivi sono legati al calo dei consumi, ai ristretti margini di guadagno sul prezzo di vendita causa l'aumento della materie prime e della fiscalità, ai costi della manodopera - tripli rispetto alla Repubblica ceca - e dell'energia e alla perdita di richiamo del brand storico.
L'assessore regionale Brandi ha dichiarato allora la disponibilità delle istituzioni e del territorio a intervenire per aiutare l'azienda a superare le criticità denunciate, ma l'a.d. è apparso irremovibile".
L'assessore Omero ha manifestato un profondo disagio, perché da una parte la stessa azienda riconosce gli sforzi fatti dai lavoratori, dall'altra non si assume la responsabilità di una errata previsione e gestione del piano industriale e di un'altrettanta errata azione di marketing, "soprattutto se si guarda a un liquore "arancione", che grazie a una sapiente campagna pubblicitaria ha scalato le vette dei consumi".
"Il prefetto Giacchetti - riferisce Omero - ha chiesto così alla Stock di lasciare aperto uno spiraglio per poter ancora ripensare alle scelte di delocalizzare la produzione triestina, sottolineando come anche alla Presidenza del Consiglio gli avessero chiesto informazioni sulla vicenda, che a Roma appare alquanto incomprensibile.
Solo a quel punto l'a.d. Riva non se l'è sentita di insistere su una chiusura definitiva del dialogo.
Ma è rimasta intatta la sensazione che il commento a caldo del sindaco Cosolini "non siamo stati chiamati al capezzale di una malato grave, ma a un funerale", sia l'unica conclusione della vicenda, che porterà ora all'avvio dei percorsi di ammortizzatori sociali per i lavoratori della Stock di Trieste".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento