menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Online la petizione contro la "reclusione" degli anziani: raccolte oltre 2000 firme

La raccolta delle firme è partita dalla community di Lunga Vita Attiva che ha anche scritto una lettera indirizzata a Conte. Nell'articolo il testo e il link alla petizione "Giù le mani dai vecchi. Non siamo tutti fragili”

Nasce sul web "Giù le mani dai vecchi. Non siamo tutti fragili”, una petizione contro la "reclusione" delle persone anziane. La raccolta delle firme è partita dalla community di Lunga Vita Attiva e in poco più di 24 ore ha già raccolto oltre 2000 firme sulla piattaforma change.org. Qui link alla petizione. L'iniziativa è stata anche accompagnata da una lettera inviata al Presidente del Consiglio.

La lettera

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri prof. avv. Giuseppe Conte

“Giù le mani dai vecchi”. Non siamo tutti fragili. Eppure serpeggia, in questi giorni, l’idea di “proteggere gli anziani”, dal Covid-19, costringendoli a casa anche dopo le prevedibili riaperture, quando ci sarà una mobilità più sicura e controllata, con le necessarie precauzioni e il mantenimento della distanza sociale (Fase 2). La reclusione prolungata sarebbe un grave errore, frutto di antichi pregiudizi sui “vecchi” e non di una valutazione articolata. Nel minestrone dei numeri, cucinato da cuochi spesso maldestri, si fa fatica a distinguere i fatti dalle illusioni ottiche mediatiche, e allora, prima di prendere decisioni, si deve approfondire. La Protezione civile certifica che -sul campione analizzato- l’età mediana delle vittime è di 80 anni, ma – attenzione- nel 96,4% dei casi le vittime avevano già una o più patologie pregresse. La quasi totalità delle vittime sono “grandi vecchi”, quasi sempre malati in modo piuttosto grave (il 61,3% aveva tre o più patologie preesistenti). Un gran numero di morti per o con il Covid-19, purtroppo, è avvenuto nelle RSA, dove anziani -davvero fragili- non sono stati protetti e sono stati esposti al virus. Pensare, però, che tutti gli “anziani” siano aprioristicamente “fragili”, è profondamente sbagliato, ingiusto e dannoso, per tutta la società. Gli over 65, e in particolare gli over70, appartengono alla generazione dei “baby boomers”. Siamo stati –grazie ai nostri genitori, che hanno ricostruito l’Italia e l’Europa- una generazione fortunata. Abbiamo vissuto una lunga stagione di pace, abbiamo studiato e avuto alimentazione e medicine adeguate, abbiamo lavorato, fatto crescere figli e nipoti, siamo stati curiosi e vitali e lo siamo ancora. Condannarci a una ulteriore reclusione, all’immobilità e a una socialità solo virtuale, sarebbe ingiusto e sbagliato, anche a livello costituzionale, visto che l’art. 3 della nostra Carta vieta qualsiasi discriminazione in base alle “condizioni sociali e personali”. Siamo stati una risorsa per il paese e lo siamo ancora. Invece che condannarci alla reclusione, si protegga chi è davvero fragile, si individui chi è infettivo, anche se asintomatico, e si diano a tutti indicazioni ragionevoli ed applicabili per una mobilità sicura e responsabile. Noi saremo i primi a dare il buon esempio. Gli anziani, in Italia, sono milioni, spesso attivi e vitali, fanno cultura, movimento e spesso sport, a livello amatoriale ed agonistico, come migliaia di “master” che corrono, vanno in bicicletta, giocano a tennis, nuotano. Molti “anziani” si allenano a una “lunga vita attiva”, che allontana la fragilità, migliora la qualità della vita ed evita -quanto più possibile- di pesare su sanità ed assistenza. Non siamo (tutti) fragili. Caro Presidente del Consiglio non ci metta il marchio della fragilità, anche quando non ci appartiene. La ringraziamo per la cortese attenzione.

Saluti e buon lavoro.

Proponenti Ariella Cuk, presidente associazione “Lunga Vita Attiva”
Franco Del Campo, docente di filosofia, due volte finalista olimpico, Città del Messico (1968

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina tipica: la ricetta della minestra de bisi spacai

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

social

Festa della Donna: le idee regalo per sorprendere chi ami

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento